VIDEO – MAURI: “QUANDO HO SEGNATO NON HO CAPITO PIU’ NULLA. È IL GIORNO PIU’ BELLO DELLA MIA VITA”

E’ stato il match winner di una partita che forse entrerà nella storia. Jose Mauri con il suo gol ha fatto letteralmente esplodere il Tardini, ed ha permesso ai crociati di battere la Juventus conquistando tre punti che forse per qualcuno erano impossibili da portare a casa.

Ecco il video e la trascrizione delle sue parole al termine dell’incontro:

“Oggi mi sono tolto una bella soddisfazione davanti ai tifosi, contro la Juventus, e devo solo ringraziare Dio che mi da questa possibilità, e mia nonna che mi guarda sempre da lassù. La dedica speciale è per lei, ma una dedica va anche ai tifosi che si sono fatti sentire. Ora abbiamo nove partite per toglierci soddisfazioni e dare un’allegria ai tifosi e a noi che abbiamo vissuto sette mesi duri. Penso che la tranquillità che ci infondono le persone serie che finalmente abbiamo dietro di noi ci dà juve-evidenzasicurezza, ed è un bel vantaggio. Abbiamo dimostrato che il calcio si fa con la testa, e non con le gambe, e quindi ora siamo tranquilli. Se ci salviamo? Per forza.. – dice ridendo – è dall’inizio del campionato che vogliamo salvarci, ora siamo tranquilli perchè abbiamo finalmente delle persone serie alle nostre spalle, purtroppo ci sono anche i punti di penalizzazione… Ma parlare con i se e con i ma serve a poco. E’ tardi, ma siamo in tempo, ci proveremo. Se è il giorno più bello della mia vita? Sicuramente, questo e il 10 marzo del 2010, avevo 13 anni, è quando il Parma mi ha preso. Se ho segnato alla mia prossima squadra? Non lo so, perchè devo capire che fine farà il Parma, io ho un contratto fino al prossimo anno: se il Parma rimane resterò qui, altrimenti valuterò. Cos’ho provato dopo il gol? Non ci ho capito niente, avevo Gobbi che mi abbracciava e mi stringeva il collo… E’ stata sicuramente una soddisfazione, un’allegria che cercavo da inizio campionato. Ancora non ci credo, sono sicuro che è un gol che entra nella storia: vincere contro la Juve non è semplice, ma l’abbiamo fatto con mio gol ed è una cosa che non scorderò mai. I miei inserimenti? Le “menate” del Mister mi hanno aiutato, lui mi dice sempre di crederci, e oggi ha funzionato. Se penso alla Nazionale? Loro devono pensare a me, mica io… Il mio abbraccio con Melli? E’ stato un abbraccio forte, lui è il vero tifoso parmigiano, e ci fa sentire il calore del tifoso, quindi abbiamo un tifoso dentro lo spogliatoio”.