TEST IN FAMIGLIA – PROVE D’INTESA TRA GUAZZO E BARAYE, MAZZOCCHI VERSO UNA MAGLIA DA TITOLARE?

Questo pomeriggio, sotto la pioggia torrenziale che è caduta anche su Collecchio, i crociati hanno svolto sul campo sintetico un test in famiglia (con tanto di terna arbitrale) contro la squadra Juniores di Simone Barone. Apolloni ha mischiato un po’ le carte, scegliendo due formazioni (ciascuna ha giocato 45′) diverse ma con già qualche indicazione in vista della gara di domenica contro la Fortis Juventus.

Nel primo tempo il Parma era schierato con Fall in porta, Messina e Ricci sulle fasce e la coppia centrale formata da Lucarelli e Adorni. Miglietta e Walter Rodriguez i centrali di
arbitricentrocampo, con Mazzocchi e Melandri esterni, ai lati di Baraye e Guazzo. La sensazione è che il senegalese partisse da una posizione più arretrata, anche se lui e Guazzo si sono invertiti spesso, con il secondo che andava incontro al pallone cercando poi di dialogare con il primo. Dire che possa essere questa la coppia d’attacco che vedremo contro la Fortis Juventus forse è azzardato, ma quello che è certo è che i due si sono parlati molto in campo cercando di affinare l’intesa che è parsa incoraggiante. Anche Mazzocchi ha cercato di inserirsi subito in quello che è il gioco dei crociati: è ovvio che non possa aver già assimilato tutti gli schemi del tecnico, ma di sicuro (visti anche i problemi di Sereni) si candida anche lui per un posto nell’undici iniziale di domenica.

Nel secondo tempo invece è stato Zommers a sistemarsi tra i pali, con Saporetti e Mulas sulle fasce ed Agrifogli centrale al fianco di Cacioli. Giorgino e Simonetti i centrali dietro al trio Fernandinho-Corapi-Nyantakyi; Musetti la punta (che salterà le prossime due gare per squalifica). Come informa il sito ufficiale, intanto, Benassi, Longobardi e Mousa Balla hanno svolto lavoro differenziato, Sereni ha svolto delle terapie mentre Lauria, Traykov hanno proseguito con il proprio piano di recupero. Per quanto riguarda la formazione anti-Fortis, test-famigliasicuramente molto conteranno anche gli allenamenti dei prossimi due giorni, con il tecnico crociato che come sempre scioglierà i suoi dubbi a ridosso della gara. Di sicuro tra il ritorno di Guazzo (da valutare comunque le sue condizioni prima di schierarlo titolare, anche se oggi è sembrato molto determinato) e la novità Mazzocchi nel mazzo del Parma ci sono due carte in più. E chissà che non vengano scoperte già domenica…