SETTE RETI IN AMICHEVOLE, APOLLONI STUDIA IL PARMA ANTI-VIRTUS CASTELFRANCO

Sette reti per il Parma a Marore contro l’Arsenal Cervarese in un test amichevole utile a testare la condizione dei crociati in vista del match contro la Virtus Castelfranco di domenica.

La prima indicazione viene data dagli assenti: Giorgino, Miglietta, Simonetti, Messina e Ricci non vanno nemmeno in panchina, segnale importante del fatto che con ogni probabilità non saranno della gara neanche domenica. Nel primo tempo Apolloni ha disposto i suoi con un 4-2-3-1 che somigliava molto ad un 4-4-2 offensivo: Zommers; Adorni, Lucarelli, Cacioli, Agrifogli; Corapi, Rodriguez; Lauria, Musetti, Melandri; Guazzo. Musetti e Guazzo, però, agiscono spesso sulla stessa linea, provando a scambiare tra di loro il pallone e aprire spazi nella difesa avversaria. Nella prima frazione imagesono quattro le reti segnate dai crociati: Lauria con un sinistro dall’interno dell’area, Musetti su rigore, Corapi raccogliendo ed insaccando una respinta del portiere e Guazzo con un ottimo pallonetto. Per i padroni di casa, invece, ha accorciato le distanze Soresini in contropiede, battendo Zommers sul palo lontano.

Nel secondo tempo in campo resta solo Walter Rodriguez, con al braccio la fascia di capitano. Tra i pali Fall, con Mousa Balla arretrato a terzino, Donati nel lato opposto e con al centro Benassi e Saporetti. Rodriguez e Dodi a centrocampo, con Sereni, Baraye e Vignali dietro a Longobardi. Dopo venti minuti senza emozioni, Apolloni prova a cambiare: fuori Walter Rodriguez (la fascia di capitano passa a Benassi) e dentro il giovane Crescenzi, con Sereni che arretra come terzini sinistro, Saporetti centrale di centrocampo e Mousa Balla che avanza sulla linea dei tre dietro a Longobardi. Il “Longo” che al 33′ segna il quinto gol in acrobazia su torre di Baraye. Il sesto gol invece è di Mousa Balla, che al volo di destro dal centro dell’area infila il portiere avversario a fil di palo. Su quello stesso palo è arrivato allo scadere anche il settimo gol di Vignali, che ha battuto il portiere avversario con un rasoterra.