SCINTILLE IN ALLENAMENTO – LILA E PRESTIA ARRIVANO ALLE MANI IN PARTITELLA

Iniziamo dalla fine. La partitella tra arancioni e blu era arrivata ai tempi supplementari, concessi da Donadoni e Gotti visto il punteggio di parità. Fino a quel momento il clima era sereno, con un Lucarelli in grande spolvero negli esercizi di tiro. Siamo allo scadere, Lila e Prestia si lanciano sul pallone, l’albanese non frena la sua allenamento-pasquettairruenza ed entra duro sul difensore, che da terra lo manda platealmente a quel paese (per usare un eufemismo). I due si alzano, si spintonano, arrivano al testa a testa, con Lila che sferra anche un colpo con la propria fronte a Prestia, senza però fortunatamente colpirgli il naso. Pochi istanti e i due vengono divisi, con Prestia che torna negli spogliatoi, raggiunto poi dal compagno. Il tutto sotto gli occhi di Guiotto. Molto probabile che poi il nervosismo sia scemato, visto che i due erano poi a pranzo all’interno del Centro Sportivo, senza ulteriori strascichi. 

Proprio sull’irruenza di Lila avevamo incentrato una domanda rivolta a Donadoni durante una conferenza stampa di un paio di settimane fa. Sia durante le partite che lo hanno visto protagonista, durante le quali ha racimolato una caterva di cartellini gialli, che in allenamento il problema dell’albanese sembra proprio quello di riuscire a mettere il guinzaglio a quella voglia matta di arrivare prima sul pallone, senza mezzi termini e senza lila8lesinare lo scontro fisico. In più di un allenamento l’abbiamo visto entrare duramente sui compagni, ed onestamente era prevedibile che prima o poi sarebbe potuto accadere qualcosa del genere. E’ proprio questa una caratteristica sulla quale il giocatore dovrà lavorare, per evitare che tutta la corsa e la quantità che mette sul campo venga poi vanificata da quella foga che spesso lo porta ad entrare in maniera scorretta sull’avversario. Ecco, non ci facciamo mancare nulla…” ha detto Donadoni al termine dell’allenamento. Una cosa è certa: voglia e grinta, che hanno latitato a Cagliari, sembrano essere tornate. Speriamo che possano essere impiegate già domenica contro il Napoli, quando i crociati avranno bisogno di utilizzare tutta la loro cattiveria. Sportivamente parlando, sia chiaro…