Schelotto: “Piedi per terra, il campionato è ancora lungo…”

Arrivato tra lo scetticismo generale, Ezequiel Galgo Schelotto si concede il lusso di segnare il secondo gol in maglia crociata, dopo la rete all’esordio contro l’Atalanta. Felice per il risultato, il centrocampista ha richiamato però tutti a non esultare prima del tempo, perchè il campionato è ancora lungo…

parma-hellas-verona-2-0Ecco le sue parole:

“Il gol? Una palla persa da Rafael, Cassano ci ha creduto, ha rubato il pallone e ha fatto un gran tiro, anche io ci ho creduto, me la sono trovata davanti e ho dovuto soltanto metterla dentro. Io lavoro in settimana per essere pronto quando il Mister mi chiama in causa. Uno dev’essere sempre attento, e quando è toccato a me ho fatto quello che ho potuto. Alla fine la cosa più importante è stata quella di portare a casa i tre punti. L’Europa? I tifosi fanno bene a crederci, però dobbiamo avere i piedi per terra e continuare con questa umiltà perchè il campionato è ancora lungo. E’ vero, siamo arrivati a 43 punti, abbiamo giocato contro una squadra che lotta per l’Europa League, però è ancora lunga. Dobbiamo pensare settimana dopo settimana”.

Io idolo dei tifosi? Sono arrivato da un mese e mezzo, non credo di essere un idolo… Quando mi hanno chiesto di venire qui ho risposto si con felicità, mi hanno fatto tanti complimenti ai quali ho risposto con il lavoro sul campo. Non sono venuto qui a rubare il posto a nessuno, sono venuto qui a difendere questi colori e sto facendo bene. Se sbaglierò cercherò sempre di migliorare. Il Mister al mio ingresso mi ha chiesto di essere attento alle loro ripartenze, per poi partire in contropiede una volta conquistato il pallone, credo che l’abbiamo fatto e l’abbiamo fatto bene“.

La prossima settimana giochiamo contro il Milan? Credo che il Milan sia una delle squadre più forti d’Italia, noi non pensiamo alle loro difficoltà, noi dobbiamo andare lì con umiltà e fare la nostra partita. Dopo i 90′ ti dirò se la partita sarà stata difficile o meno…”