SASSUOLO-PARMA – La Probabile Formazione di ParmaFanzine!

NuovaimmaginecontestsassuoloSassuolo-Parma, in un certo senso, è un derby-matrioska: il derby tra i tifosi sugli spalti, a fare da cornice al derby degli ex, che giocheranno un derby emiliano. Che partita quella che si giocherà oggi al Mapei Stadium! Gli ex della gara sono tantissimi, anche se non tutti prenderanno parte all’incontro (Rosi per un problema fisico dovrebbe accomodarsi in tribuna, mentre Sansone partirà con ogni probabilità dalla panchina, mentre Munari è squalificato), ma quest’aspetto da un sapore particolare ad una partita che è già completamente pregna di significati. Donadoni ha due imperativi: il meno importante, forse, è quello di scegliere modulo e uomini, visto e considerato l’apporto dato da quei giocatori (Acquah, Palladino, Molinaro, per citarne tre) che chiamati in causa hanno sempre fatto bene. Il vero imperativo per il tecnico bergamasco sarà quello di mantenere alta la concentrazione della truppa, anche perchè, citando proprio Donadoni, “sottovalutare il Sassuolo equivale a fallire completamente rispetto a quelli che sono i nostri propositi“. Nessun occhio quindi a classifiche, statistiche o record, senza badare al fatto che con una vittoria si raggiungerebbe il 14° risultato utile consecutivo, e soprattutto il record storico delle quattro vittorie consecutive in trasferta.

sassuoloparmaprobformLA PROBABILE FORMAZIONE: Mirante, probabile azzurro già da stasera, sarà chiamato a difendere i pali della squadra crociata. Davanti a lui, registrato il problema fisico di Gobbi, Molinaro verrà confermato sulla fascia sinistra, mentre sulla destra l’ormai inamovibile Cassani. Al centro, gli altrettanto inamovibili Lucarelli e Paletta, come sempre pronti ad alzare davanti all’area crociata un muro formato da fisicità ed esperienza. A centrocampo il vero dubbio è quello che ruota attorno al nome di Acquah: il ghanese dovrebbe scendere in campo, vista anche la condizione fisica straripante dimostrata, però diventa difficile prevedere chi sarà a fargli spazio. Sicuramente, o almeno tutto lo lascerebbe presupporre, partirà dalla panchina uno tra Marchionni e Gargano. Probabile che Donadoni scelga di far riposare ancora Marchionni, considerando che poi Gargano potrebbe godere di un turno di riposo contro il Verona dopo il lungo viaggio che dovrà intraprendere per rispondere alla convocazione con la Nazionale. Centrocampo a tre, quindi, che potrebbe essere formato proprio dall’uruguayano, accompagnato da Parolo e da, appunto, Acquah. Lì davanti, salvo clamorose sorprese, dovrebbero scendere in campo gli stessi che hanno fatto bene contro la Fiorentina, ovvero Biabiany, Amauri e Cassano.

L’Editorialista

BALLOTTAGGI
Molinaro 80% – Gobbi 20%
Marchionni 40% – Gargano 60%
Amauri 65% – Palladino 35%