RISPOLI: “OGGI ABBIAMO DIMOSTRATO CHE LA SQUADRA E’ CON L’ALLENATORE”

Come Santacroce, anche Rispoli aveva iniziato la stagione come “outsider”. Complice la situazione complicata, e soprattutto gli infortuni che hanno martoriato la squadra di Donadoni, l’esterno è partito dal 1′ per la seconda volta consecutiva.

rispoli-torinoEcco le sue parole in Mixed Zone al termine della gara:

Loro sono partiti forte, noi ci siamo messi dietro a sprazzi molto bene, in certe circostanze siamo andati in difficoltà. Penso però che nel secondo tempo c’è stata una grandissima reazione, con la voglia di uscire da questo momento negativo. Concentrandoci nel dare quella massima volontà e quella determinazione che abbiamo messo in campo nel secondo tempo potremo toglierci delle soddisfazioni già con l’Inter. Non dobbiamo mollare nulla, essere positivi, e cercare di limare ancora di più tanti piccoli particolari. Il peso psicologico? Quando non arrivano i risultati un po’ di nervosismo c’è, perchè vogliamo fare il risultato a tutti i costi ed uscire da questa situazione. Siamo a 4 punti dalla salvezza, bisogna pensare positivo, il campionato è ancora lungo e basta poco per uscire da questa situazione ed essere più sereni e tranquilli”.

Il Mister mi ha riconfermato? Io sto cercando di dare il massimo impegno, la massima volontà, sono felice di riuscire a giocare. Era da tanto che non giocavo, e quindi rigiocare subito dopo 4 giorni mi permette di prendere la condizione ottimale. Posso fare di più, dare di più. La squadra è con il Mister? Oggi abbiamo dimostrato che se la squadra non fosse con l’allenatore, e la società non credesse nell’allenatore, Donadoni non sarebbe qui. C’è la consapevolezza e la convinzione che ne usciremo tutti assieme, i giocatori, lo staff, la società, e siamo consapevoli che l’unione fa la forza, e dobbiamo uscirne il prima possibile”.