RICORSO RESPINTO – Cerri non giocherà la finale. Lucarelli e Palmieri ringraziano la Juventus per la sportività: “Hanno cercato di spiegare all’arbitro che Alberto non c’entrava nulla”

Purtroppo non c’è stato nulla da fare. Le parole di Della Morte, allenatore della Juventus, che a caldo ha cercato di spiegare all’arbitro che Cerri non c’entrava nulla con l’accaduto; le proteste dei dirigenti crociati, sempre a caldo; l’incredulità di Alberto Cerri, rimasto senza parole e che a lungo ha chiesto ad amici e famigliari se avessero visto anche loro quello che era effettivamente successo. Nulla ha fatto cambiare idea all’arbitro, che nonostante tutto ha scritto nel suo referto una versione coerente alla decisione da lui presa, anche se palesemente incoerente con la realtà. (Nella foto, l’arbitro Boggi espelle Cerri. La foto è del Settore Giovanile e Scolastico Figc, clicca qui per guardare tutto l’album)

Il Parma, ovviamente, ha fatto ricorso, nella speranza che venisse fatta giustizia. Dalla propria aveva le testimonianze degli avversari, oltre a un video fatto con un tablet dalla panchina. Purtroppo, però, il ricorso è stato respinto.
Alberto Cerri, quindi, non giocherà la finale di domani contro l’Empoli.

Schermata 2013-06-18 alle 01.42.41E’ grande il rammarico di Mister Lucarelli, che però corregge il tiro dopo le dichiarazioni di ieri. Come riporta il sito ufficiale del Parma Fc, l’allenatore sa che “Alberto non merita questo e per lui è dura sapere che non potrà essere in campo con i compagni per cercare di conquistare questo bel traguardo. (…) Al termine di partite così può purtroppo capitare che gli animi si scaldino, soprattutto tra ragazzi di questa età. Ma credo che le cose siano state ingigantite. Quando dico che spero che chi ha pronunciato certe offese sia individuato e punito non mi riferisco ai nostri avversari a cui, anzi, ancora una volta, faccio i complimenti. A partire dall’allenatore la condotta della Juve è stata corretta e sportiva. Lo staff si è complimentato con noi per la vittoria e Della Morte è anche andato dall’arbitro per dire che Cerri non centrava nulla con quanto era accaduto. Ovvio che non mi riferivo a loro.“.

Anche Palmieri, sempre attraverso il Sito Ufficiale del Parma, cerca di mettere da parte il nervosismo e si augura “che l’andamento di queste gare sia uno stimolo per i ragazzi ad andare ancora oltre. Quella di domani è una gara importante soprattutto dal punto di vista della loro crescita  personale, che va dunque affrontata con maturità, serenità e sportività. Sportività dimostrata anche ieri dalla Juventus. Ai dirigenti bianconeri a cui mi legano sentimenti di rispetto ed amicizia, va il mio ringraziamento per quanto fatto ieri al termine della partita. Sia l’allenatore della Juve Ivano Della Morte che il vicedirettore del settore giovanile Gianluca Pessotto sono subito andati dall’arbitro dopo l’espulsione di Cerri facendogli notare che il ragazzo non c’entrava nulla. Purtroppo non è servito, abbiamo fatto anche ricorso contro questa decisione che ci pare ingiusta, ma è stato respinto. Anche se il loro intervento è stato vano davvero ci tengo a dirgli pubblicamente grazie. Ci hanno fatto i complimenti per la vittoria e io li rinnovo a loro per la signorilità ancora una volta dimostrata e per la qualità espressa dalla loro squadra.

Come detto, quindi, il Parma dovrà giocare senza Cerri, Equizi e Martinez. Di sicuro, però, avrà una motivazione in più: vincere anche per i tre compagni che li inciteranno, con qualche rammarico, dalle tribune.