QUANDO CANTA IL GALLO – N°8 – “PERCHE’ MEZZO TARDINI LEGGEVA LA FORMAZIONE REGGENDOLA CON UNA SOLA MANO?”

donadoniattaccosbloccatoSono un grande appassionato di arte e di società. Picasso ha attraversato il periodo Blu, il periodo Rosa. La mia squadra, invece, pare attraversare il periodo marrone. Sino a domenica pomeriggio ero triste perché la squadra non segnava, poi ne abbiamo rifilati quattro al Milan. Grande prestazione, verrebbe da dire se isolata dal contesto, ma con quattro pere rifilate abbiam perso la partita. Non so se è un record, ma comunque ci siamo vicini. Pare strano ma domenica mi son divertito allo Stadio Tardini. Una partita che semplificherebbe molto il gioco del pallone se fosse studiata bene. Toglierebbe l’idea che nel calcio serve la tattica, cosa obsoleta a ben vedere, renderebbe inutile l’ultimo passaggio, che gli assist te li fanno gli avversari, impedirebbe i retropassaggi al portiere, che poi si infortuna gravemente, insegnerebbe quanto inutile sia il distinguo fra i ruoli in campo, insomma finalmente il calcio spettacolo e non quel calcio speculativo che non ci piace a nessuno. Per riavvicinare la gente allo stadio la suddetta partita è uno spot inesauribile ed insieme una speranza per tutti, perché vedendola tutti possono aspirare a giocare in serie A. Per la serie siam tutti allenatori lo abbiamo visto quello che non bisognerebbe mai fare, Pippo ti amo perché sei primo in classifica con quella difesa lì e se la dea bendata ti aiuta per altre 30 partite puoi aspirare a qualcosa di più di una semplice salvezza. Don, hai degli alibi ma convinciti che magari hai ragione te, ma per motivi di jella ormai conclamata non puoi schierare due debuttanti terzini e il solito ignoto e chiamarla difesa, semmai è un’offesa al buon gusto calcistico. Ma noi siam tifosi e ti diamo tempo per sistemare la baracca, solo che nessuno dei tifosi domenica si è lamentato dell’arbitro anche se alla fine qualche cacatella a random la ha pur fatta, ma son passate in seconda visione rispetto alle super cavolate difensive.

difesahorrorCassani nessuno sa perché non ci fosse, ma io che son bene informato so che domenica è andato a pescare munito di carta e penna, sta componendo un romanzo ittico cavalleresco si intitolerà: “Il pesce spada nella roccia” ed allora ha giocato Ristovski. Caro Risty, la diagonale che ti ha spiegato il Don non è il segmento che congiunge due vertici non consecutivi di un poligono o di un poliedro quindi è inutile che quando ti arriva un cross dall’altra fascia ti metti li con carta e penna a far dei calcoli. Ed ancora nei pulcini di calcio del Cogolonchio insegnano che la palla non va mai passata in direzione della porta quando ci sono nei pressi dei giocatori avversari. Ma il ragazzo si farà, se non si era già fatto ieri sera si farà, abbiamo speranze.

Nemmeno Paletta si sa di preciso perché non giocasse, e sempre i soliti bene informati mi han detto che era con Bersani a smacchiare i giaguari. Felipe è stato il migliore in campo, non ha fatto errori, ha segnato un gol e solo l’arbitro cattivo ha fatto si che abbia ricominciato il campionato da dove aveva finito il precedente, uscendo anzitempo. E’ quindi del tutto inspiegabile ed incongruente che mezzo stadio abbia letto la formazione reggendola con una sola mano. Eppure mentre andavo al Tardini me lo dicevo: questa sarà una giornata scema, sarà una di quelle giornate sceme in cui vedo cose sceme, faccio cose sceme e tutti mi danno dello scemo per essere andato allo stadio. Avrei potuto forse non entrare al Tardini, andare a casa e guardare un film ma non faccio mai cose così furbe in una giornata scema. Alcune ricerche dimostrano che se hai paura dei ragni ci sono maggiori possibilità di trovarne uno in camera tua. Non vorrei trovarmi al risveglio uno stopper brasiliano. Però mi son ripromesso di non infierire perché sarebbe come picchiare un bambino che fa la cacca, io gli darei insomma un’altra chance, uno di questi anni. Insolito che non si sia capito con Cassano, in difesa, e che invece abbia segnato un gol in attacco. Che abbia sbagliato ruolo in tutti questi anni? Io dovendo farlo giocare lo schiererei in futuro centro panchina metodista. Un suggerimento all’arbitro che forse non ha visto, dal labiale qualcuno ha colto (ma sicuramente si sarà sbagliato) mentre usciva un interessante racconto sul mestiere della tua mamma, accompagnato da gossip piccanti sulla tua sorella… vedi te, già che hai visto quei falli che ci son sfuggiti, forse dal labiale…

quandocantailgalloformazionereggevaunasolamanoMa chiudiamo la sintesi della seconda sfortunata giornata sorvolando sui nuovi innesti di sinistra, su quell’attaccante che deve coprire la fascia e su quel terzino che non ha molta vocazione difensiva. Chiudiamola qua apprezzando l’interno sinistro che vorrebbe fare l’ala e stendiamo un velo pietoso sugli attaccanti trasparenti buttati dentro alla fine che non li ha visti nessuno. Di sicuro miglioreremo, di sicuro il Don che è bravo metterà a posto quelle due cosette che non han funzionato, di sicuro continuerò a tifare Parma e ci sarò a Verona se per caso ci daranno una gioia. Ma per ora, ahi noi direi di male in male. Dopo la partita di Cesena vedevo la squadra sull’orlo di un precipizio, ma col Milan abbiamo fatto un passo avanti.

Il Gallo di Castione

ARTICOLI PRECEDENTI:
“Quando Canta il Gallo” – N°1 – Esegesi del Parma Fc, tifo che diviene fede
“Quando Canta il Gallo” – N°2 – Una Pomata per l’Irpef
“Quando Canta il Gallo” – N°3 – Gli Oscuri Misteri Svelati del Calciomercato
“Quando Canta il Gallo” – N°4 – Il Parma che vorrei… Cap.1
“Quando Canta il Gallo” – N°5 – Il Parma e la Federazione Italiana Giovani Attrici…
“Quando Canta il Gallo” – N°6 – Quando il gioco si fa duro, il Leo comincia a giocare…
“Quando Canta il Gallo” – N°7 – Amargol, alla ricerca del gol perduto…