“QUANDO CANTA IL GALLO” – N°3 – GLI OSCURI MISTERI SVELATI DEL CALCIOMERCATO

tartassamiIl Parma non ha la licenza Uefa. Qualificarsi con una doppietta di Amauri, in effetti, è stato giudicato illegale. A tal proposito è intervenuto anche Malagò, presidente del Coni: “E’ stato un brutto fine-campionato”. E con questo non voglio far sfoggio  di nessuna verità, già ce n’è a basta se faccio sfoggio delle mie innumerevoli sciocchezze. Egli si riferiva probabilmente alle cattive prestazioni al fantacalcio dove aveva Vucinic, Maxi Lopex e Matri.

E lo scorso campionato è finito a Parma con una grande festa (mentre a Firenze la partita, sponsorizzata dalla Melegatti, non è finita allo stesso modo), ora ci si prepara al prossimo contando ormai i giorni che ci separano dal 31 agosto. Ripercorriamo le vicende che ci sono state in mezzo, venendo poi all’analisi delle strategie di mercato con i nostri mercatologi specializzati. Dopo le ali dell’entusiasmo delle prime ore, raggiunta l’Europa è giunta la doccia fredda e gli infiniti tribunali, con le dimissioni del Presidente e il sospetto (alimentato dai gossip) di una squadra alla deriva e senza capitano, ma oggi ci si è già avviati su un più sobrio attendismo, speranzosi però che dall’estero arrivi qualche “magnate” straniero. Dopo l’ingresso del nuovo sponsor pare infatti che ci siano altri interessati (si parla del petroliere Russo Pholpettov, lo sceicco Maghnapelj e il magnate Al-Khelaifi) , tutti e tre vorrebbero entrare con una quota societaria del 40% equamente distribuita.

Ma veniamo al Calciomercato. In qualcuno serpeggia già un dubbio amletico… Che sia meglio impostare un gioco alla tedesca con giocatori d’esperienza e la difesa ermetica oppure un gioco sbarazzino con giocatori giovani che sull’ali dell’entusiasmo ci faranno divertire? Per via dell’ultima ipotesi giova il ritorno in serie A del grande Zeman (il nome non lo metto che non so come si scrive), che quando gli han chiesto quante sigarette fuma ha sostenuto di non contarle perché se no si innervosisce e ne fuma di più.

bandieramezzastaMa torniamo al Calciomercato, che conta ormai un numero sterminato di esperti capitanati da Gianluca Di Marzio equamente distribuiti nei siti internet, nei blog specializzati e nelle trasmissioni televisive Rai, Mediaset e La 7. Il professor Vladimiro Maffettoni, ordinario di Glottologia all’Università di Cogolonchio, avrebbe rintracciato tracce di congiuntivi in alcuni blog sportivi. La notizia è stata prontamente smentita. Siam giunti al punto che i notiziari sportivi parlano ormai solo di gossip. Di questo passo vedremo Barbara D’Urso e Alfonso Signorini a Studio Sport. Ma noi siamo come il “Tecnico da bar” di Stefano Benny, abbiamo notizie certe avvalorate da amicizie e parentele nello staff del Parma, il nostro tecnico potrebbe parlarci di qualsiasi argomento perché “se si parla di comunismo, lui ha un cognato che lavora a To­gliattigrad; se si parla di pesca subacquea, ha un fratello fidanzato da sei anni con una cernia; se si parla di edilizia, ha un cugino manovale…” e così via. Inoltre, “è stato compagno di scuola di tutti i ministri dell’arco Co­stituzionale, che spesso gli telefonano per sfoghi e con­fidenze”. E noi siamo innovativi, perché prima di svelare i grandi colpi di mercato che sta approntando il Leo, vi sveliamo in anteprima quali sono i giocatori che di sicuro non verranno al Parma con relative motivazioni.

lukaszmerdaLUKASZ MERDA – 32enne portiere polacco non sarà del Parma anche se qualcuno in cerca di fortuna lo vorrebbe pestare.

JEAN-PASCAL MIGNOT – Calciatore francese che gioca nel ruolo di difensore nell’Saint-Etienne, è disponibile a cambiare spesso squadra ma pare impegnato in Brianza.

MASSIMILIAN PORCELLO – di chiari origini italiane ma tedesco al 100%, da anni bandiera del centrocampo del Karlsruher ben si adatterebbe al Novembre padano ma difficilmente rinuncerà ai crauti.

KAZZER – austriaco, s’è ricavato una grossa fama (da calciatore) nel Rapid Vienna, amico di Strunz non ama gli allenatori Italiani.

jeanpascalmignotVAN FESSEM – Il portiere del Willem II, con la fama da duro, più che da poco svelto. …

GORAN SUKALO – Roccioso centrale sloveno, un colosso di 193 centrimetri (di altezza) centrocampista del Greuther Furth, un tipo molto schietto senza peli sulla lingua, ma se ce li ha non sono i suoi.

ENRIQUE SOLA CLEMENTE – Noto come Kike Sola attaccante dell’Athletic Bilbao, uno che rischierebbe di divenire prima del previsto un flop.Donadoni non lo vede, ha le stesse possibilità di giocare nel Parma di Sotiris.

enriquesolaChiudiamo con un affettuoso saluto ad Abete il quale pare che superi Sara Tommasi nei motori di ricerca. Succede così cercando “bella i…a” (intendevo “bella incavolata” eh, cos’avete pensato…). A seguire una domanda che giunge spontanea sul probabile subentrante : ma Tavecchio da Tagiovane è stato allievo di Andreotti?

Il Gallo di Castione

ARTICOLI PRECEDENTI:
“Quando Canta il Gallo” – N°1 – Esegesi del Parma Fc, tifo che diviene fede
“Quando Canta il Gallo” – N°2 – Una Pomata per l’Irpef