PRESENTATI VARELA E RODRIGUEZ – LA TRASCRIZIONE INTEGRALE

Cristian Rodriguez e Silvestre Varela sono stati presentati oggi a Collecchio, dopo che nei giorni scorsi era arrivata l’ufficialità del loro arrivo in prestito. Ad introdurre la conferenza è stato Antonello Preiti, Direttore dell’Area Tecnica, e dopo la parola è passata ai due giocatori, che hanno risposto alle domande dei giornalisti grazie anche all’aiuto di un traduttore. Silvestre Varela vestirà la maglia n°26, e Cristian Rodriguez quella n°24.

rodriguez-varela-presentazioneEcco la trascrizione integrale delle risposte, con la traduzione di ParmaFanzine.it:

L’introduzione di Antonello Preiti e le sue risposte sul mercato in corso:

PREITI: “Presentiamo i nostri nuovo acquisti. Sono due ragazzi che vengono da due grandi società come il Porto e l’Atletico Madrid, la loro carriera parla abbastanza chiaro: sono due esterni offensivi, uno e mancino e l’altro è un destro, hanno fatto parte dell’ultimo Mondiale, e il Parma dopo un notevole sforzo è riuscito a portarli qui in un momento così delicato per la nostra società. Abbiamo trovato grande disponibilità da entrambi, sono venuti a darci una grossa mano calandosi nella nostra realtà. Abbiamo lavorato molto per convincerli, anche se in realtà hanno accolto ampiamente il nostro progetto. Sono due prestiti secchi e sanno a quello a cui vanno incontro. Hanno voluto fortemente venire a Parma, e da domenica si metteranno a disposizione del tecnico per la partita con il Cesena. Siamo in attesa del tranfer, speriamo domani di averlo per entrambi. Poi sarà il Mister a decidere se utilizzarli. Credo che sono due calciatori di grande valore tecnico. Cristian può giocare in una posizione diversa rispetto al terzo offensivo. Credo che quando un allenatore ha a disposizione giocatori bravi il sistema di gioco passa in secondo piano. E’ chiaro che il tecnico ha dato l’assenso all’arrivo di questi calciatori sa quello che deve fare. Noi eravamo alla ricerca di calciatori con un profilo alto, e che avessero voglia di arrivare a Parma e giocare un girone di ritorno a mille per raggiungere l’obbiettivo che non è facile da raggiungere. Sia Cristian che Silvestre hanno queste qualità. L’attaccante? Io credo che se sono arrivati già quattro calciatori, da un profilo importante, vuol dire che la società sta lavorando. Poi ogni giorno esce fuori un nome nuovo, sicuramente ci sono ancora dieci giorni di mercato, e si lavora per raggiungere il profilo giusto. Se è più facile convincere un giocatore che arriva dall’estero? Il Parma ha bisogno dell’attaccante giusto, e se serve qualche giorno in più è proprio per non sbagliare il tipo di calciatore”.

cebolla-allenamento2Il perchè della scelta di venire a Parma:

VAR: “Ho scelto di venire a Parma perchè è un club storico, da qui sono passati grandi giocatori, e ho una grande motivazione per poter aiutare il Parma in questa situazione”.

ROD: “Condivido quello che ha detto Varela, è un club con una grande storia. La mia scelta è stata anche personale, perchè avevo bisogno di giocare di più, e ho preferito venire qui perchè sapevo che c’è una situazione difficile. Farò tutto il possibile per dare il mio contributo e collaborare con i miei compagni”.

La condizione atletica:

ROD: “Fisicamente sto bene, nell’Atletico Madrid non giocavo con continuità, ma mi allenavo molto, non ho subito infortuni ed è una cosa positiva. Sono a disposizione e pronto a giocare”.

VAR:Anch’io non giocavo con molta continuità, ho avuto anche altri problemi ma ora mi sento bene per poter giocare ed aiutare il Parma”

varela-allenamento2L’impatto con il Mister Donadoni:

ROD: “Il Mister per prima cosa si è informato sulle nostre condizioni, non posso dire molto perchè siamo qui da due giorni. La prima cosa da fare è quella di adattarsi e conoscere i compagni”.

VAR: “Per me è lo stesso”.

Cosa conoscono della Serie A, e come se l’aspettano:

ROD: “Il calcio italiano è storico, è molto tattico. Ho giocato contro la Juventus, contro il Milan, contro la Nazionale. Ma uno che conosce il calcio lo capisce. Ho parlato con Gargano, con Cavani, con Gaston Ramirez, e tutti mi hanno detto che è un ottima realtà, quella di Parma, e che averi potuto fare bene”.

VAR:Il campionato italiano è molto importante. Le partite sono viste in tutto il mondo, e credo che sarà molto positivo per noi”.

Salvarsi con il Parma è ancora più difficile del campionato vinto con l’Atletico?

ROD: “Si, è più difficile perchè la situazione è totalmente diversa. Purtroppo il Parma sta attraversando un mal momento, è ultimo. Ma c’è poco tempo per lamentarsi e molto tempo per lavorare. La squadra sta già pensando alla partita di domenica, che è uno scontro diretto”.

Il calo di Varela negli ultimi due anni e le possibilità di rilancio con il Parma:

VAR: “Credo che nel calcio ci siano alti e bassi, ma ora sono arrivato qui, e voglio aiutare il club ad uscire da questa situazione, ed è la cosa più importante in questa situazione”.

Quando è nata la trattativa, ed i contatti con i proprietari:

ROD: “Durante la sosta natalizia avevo un idea chiara, che era quella di giocare di più, anche perchè c’è la Coppa America a breve. Il Parma ha insistito molto, e per me è una grande avventura venire in Italia, e speriamo che vada tutto bene. C’è stata una riunione con il nuovo proprietario del club, e mi è sembrato molto gentile e simpatico”.

VAR: “L’ultima settimana è stata molto intensa. Il Parma dimostrò un grande interesse, non potevo dire di no a questa grande sfida. Ora sono molto contento. Con il proprietario c’è sempre stato un dialogo positivo”.

tutto-su-varelaLa prima esperienza per Rodriguez in una piccola realtà di provincia:

ROD:Sempre, da quando ero piccolo, mi piaceva il calcio italiano. Ci sono molto uruguayani e molti argentini che sono venuti qui a giocare. Ho anche un amico intimo, el Pato Aguilera, che è molto conosciuto a Genova, e sempre mi ha raccomandato di venire in Italia. E’ un calcio molto tattico, molto duro, si lavora molto dal punto di vista fisico, e speriamo che mi possa adattare velocemente ed aiutare così il club”.

Le altre offerte ricevute da Rodriguez:

ROD: “Si, è vero, avevo molte offerte. Un giocatore di calcio ha sempre molte offerte, ma che poi si trasformi in qualcosa di concreto è molto diverso. Il Parma ha dimostrato più interesse, mi fecero una proposta vera, ed un giocatore lo capisce in fretta. Ho deciso di venire qui, è una sfida importante, anche perchè grazie a Dio ho sempre giocato in squadre che competono per il primo posto, ma non ero mai stato in una situazione come questa. Bisogna provare tutto, sono qui, e sono molto contento”.

cebolla-rodriguezUn eventuale cambio di modulo grazie al loro arrivo.

ROD:Io personalmente credo che mi posso adattare, ho giocato molto in fascia, al centro, a destra, e credo che in un 4-3-3 mi posso adattare facilmente, anche Varela credo che lo possa fare”.

VAR: “Sì, è vero, noi abbiamo già giocato assieme, e sempre in un 4-3-3. Per noi non è un problema”.

Antonio Cassano:

ROD:Non posso dire che sia mio amico, perchè sono qui da due giorni… Però ovviamente è conosciuto, è un grande giocatore conosciuto a livello mondiale, e credo che lui ha molto da dare al Parma”.