POULE SCUDETTO DELLA SERIE D – ECCO IL REGOLAMENTO UFFICIALE – INIZIERA’ IL 15 MAGGIO

La Lega Nazionale Dilettanti ha pubblicato il regolamento ufficiale della Poule Scudetto 2015/16. Ovviamente la speranza di tutti i tifosi crociati è che il Parma possa prenderne parte, anche se è davvero presto per poterlo dire. In ogni caso è utile sapere già come funzionerà, ovviamente incrociando le dita ed attendendo l’esito di quella che è la stagione regolare.

Come potete leggere nel regolamento qui in basso, la vincente del Girone D (quello del Parma) andrebbe a giocare il primo triangolare contro le vincenti dei Gironi E (Gavorrano, Montecatini e Jolly Montemurlo, la squadra dell’ex crociato Andrea Vignali, sono attualmente le prime tre classificate) ed F (Sambenedettese, Fano e Matelica le attuali prime tre classificate). Squadre come Piacenza e Venezia, se dovessero arrivare prime nel loro girone, potrebbero incontrare la vincente del girone del Parma solo in semifinale o finale. Per quanto riguarda le date, invece, la prima gara della Poule Scudetto si giocherà il 15 maggio (esattamente una settimana dopo l’ultima gara di campionato regolare), mentre la finale è prevista per il 5 giugno 2016. Un altro appunto, banale ma fondamentale: in Lega Pro ci vanno le vincenti di ogni girone della Serie D, e la Poule Scudetto è utile solo per assegnare il titolo di Campione d’Italia dei Dilettanti.

regolamento-poule-scudettoEcco il regolamento completo:

ART. 1 – PARTECIPAZIONE – Alla fase valevole per l’assegnazione del Titolo di Campione d’Italia Dilettanti verranno ammesse le squadre classificate al primo posto in ciascuno dei singoli gironi del Campionato Nazionale di Serie D, stagione sportiva 2015/2016.

ART. 2 – SVOLGIMENTO – Le Società classificate al primo posto in ciascuno dei singoli gironi verranno suddivise in tre triangolari composti rispettivamente dalle vincenti dei gironi A, B e C; dalle vincenti dei gironi D, E ed F; dalle vincenti dei gironi G, H ed I. Le squadre dei singoli raggruppamenti si incontreranno in gare di sola andata secondo la consueta formula prevista per lo svolgimento dei triangolari:
-la squadra che riposerà nella prima giornata verrà determinata per sorteggio così come la squadra che disputerà la prima gara in trasferta;
-riposerà nella seconda giornata la squadra che avrà vinto la prima gara o, in caso di pareggio, quella che avrà disputato la prima gara in trasferta,
-nella terza giornata si svolgerà la gara fra le due squadre che non si sono incontrate in precedenza.
Accedono alla fase successiva le squadre vincenti il rispettivo triangolare; accede altresì la seconda migliore classificata fra le escluse. Le gare di semifinale e finale, organizzate dal Dipartimento Interregionale, saranno disputate in campo neutro e articolate in due tempi di gioco di durata pari a 45 minuti ciascuno. In caso di parità di punteggio al termine dei due tempi di gioco si procederà alla esecuzione dei calci di rigore secondo le modalità previste dalla Regola 7 delle “Regole di Gioco”.

ART. 3 – GRADUATORIE – Le graduatorie verranno stabilite mediante l’attribuzione dei seguenti punti:
-VITTORIA ……………………………….. punti 3
-PAREGGIO ……………………………… punti 1
-SCONFITTA …………………………….. punti 0
Nel caso in cui due o tutte e tre le squadre concludessero il proprio triangolare a parità di punteggio, per determinare la squadra vincente si terrà conto, nell’ordine:
-scontro diretto;
-della migliore posizione nella classifica della Coppa Disciplina del Campionato di Serie D.
Per stabilire la migliore classificata fra le squadre in graduatoria al secondo posto nei singoli raggruppamenti dei triangolari, si terrà conto, nell’ordine:
-dei punti ottenuti negli incontri disputati;
-della migliore posizione nella classifica della Coppa Disciplina del Campionato di Serie D.
-dell’età media più giovane (calcolata sulle formazioni schierate nelle gare dei triangolari);

ART. 4 – SANZIONILe ammonizioni irrogate a carico di calciatori nelle gare di Campionato non avranno efficacia. I tesserati incorrono in una giornata di squalifica ogni due ammonizioni inflitte dall’Organo della giustizia sportiva. Saranno invece da scontare tutte le squalifiche pendenti riportate al termine dello stesso.

ART. 5 – PROGRAMMA – CALENDARIO – Il programma della fase di assegnazione del titolo è così definito:
-15 maggio 2016 – 1^ gara triangolare
-22 maggio 2016 – 2^ gara triangolare
-29 maggio 2016 – 3^ gara triangolare
-3 giugno 2016 – semifinali
-5 giugno 2016 – FINALE
Eventuali modifiche alla predetta articolazione potranno essere successivamente autorizzate a fronte di impreviste necessità di carattere organizzativo.

ART. 6 – MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELLE GARE DI SEMIFINALELe gare di semifinale saranno disputate in gara unica ed in campo neutro secondo le modalità di cui all’art. 2). Gli abbinamenti saranno stabiliti per sorteggio unitamente all’ordine di svolgimento delle stesse.

ART. 7 – MODALITA’ DI SVOLGIMENTO DELLA GARA DI FINALE Le squadre vincenti le gare di semifinale disputeranno la finale, valida per l’assegnazione del Titolo di Campione d’Italia 2015/2016, in gara unica secondo le modalità dell’art. 2).