LA PARTITA SUGLI SPALTI, DAGLI STRISCIONI AI FISCHI. E C’E’ CHI HA ROTTO L’ABBONAMENTO…

striscione-boysLa salvezza è l’unica buona uscita, Ghirardi e Leonardi la pazienza è finita. La partita sugli spalti, questo pomeriggio, è iniziata subito con uno striscione nei confronti della società. I tifosi, però, avevano assicurato il loro appoggio durante la gara fondamentale contro una diretta concorrente, ed infatti così è stato. Prima qualche coro di saluto tra le due tifoserie, che hanno festeggiato il 30′ anno di gemellaggio, e poi cori di sostegno. Applausi di incitamento sono stati fatti anche per qualche passaggio sbagliato in maniera ingenua, come per cercare di spronare un gruppo sempre più schiavo di un blocco psicologico che condiziona, e non poco, l’andamento del suo campionato.

abbonamento-rottooooIl gol allo scadere del primo tempo ha rappresentato un duro colpo. La seconda frazione si è aperta con uno striscione dedicato al gemellaggio con i tifosi empolesi, ma i primi cori sono stati tutti contro Ghirardi, intervallati da incitamenti ai ragazzi in campo. Il pubblico del Tardini, dopo aver ascoltato il coro “tu non sei il mio Presidente” ha applaudito, segno che la crepa tra dirigenza e tifoseria è ormai impossibile da riparare. Al fischio finale, inesorabili, sono arrivati i fischi per i giocatori che, sconsolati, si sono recati sotto la Curva guidati da Lucarelli, che nonostante non abbia giocato ha comunque voluto accompagnare i compagni. E uscendo dalla Curva Nord c’è chi perfino ha deciso di rompere e gettare a terra il proprio abbonamento, mentre gridava insulti verso la dirigenza, come testimonia la nostra foto. E’ questa la cronaca di un pomeriggio nero, nerissimo, che ha visto una squadra affondare per l’ennesima volta, rischiando sempre di più di rendere la situazione irrecuperabile.