Parolo: “Se piove sempre da qui a giugno, magari sarò capocannoniere”

Dopo qualche mese ha ritrovato il gol e tra poche ore, con ogni probabilità, ritroverà anche la Nazionale. E’ una giornata splendida per Marco Parolo, che ritrova il gol dopo qualche mese di digiuno.

sassparmevidenzEcco le parole del centrocampista crociato, raccolte dai nostri microfoni:

“Il gol più veloce che abbia mai fatto? Non lo so, ma sono molto contento per la rete, ci tenevo, e un po’ mi mancava il gol. Mi ero abituato troppo bene, forse, comunque ritrovare il gol è stato un piacere, come mi fanno piacere i tre punti conquistati oggi. L’unica cosa è che avremmo dovuto chiuderla prima, e soffrire meno. Tre punti che comunque ci danno morale, andiamo ad affrontare una partita importante domenica prossima”.

La Nazionale? Io vado a casa, mi riposo, non ci penso. Nella testa ho solo la partita di domenica, per ora, perchè per il Parma sarà una partita importantissima che vuol dire tanto. Anzi, ci aspettano due partite importanti, contro il Verona ed il Milan. Ora dovremo rimanere concentrati, migliorare quei difetti che abbiamo dimostrato oggi, e continuare questa striscia che stiamo portando avanti, perchè stiamo facendo qualcosa di importante. Questo Parma nella storia? E’ un orgoglio, quando vai in una squadra speri sempre di fare un qualcosa di importante, ce la stiamo facendo, ma questi risultati non sono nulla se alla fine non otteniamo qualcosa. Il fatto di avere questa mentalità, di giocarcela con tutti, è solo grazie al Mister, e quindi ora abbiamo fatto un gruppo importante. E’ proprio il gruppo la nostra forza, anche oggi chi ha entrato ha dato il suo contributo“.

tifosiospiti2Paletta merita la Nazionale tutta la vita, come la merita Antonio Mirante, come sta facendo un grande campionato anche Mattia Cassani. Dobbiamo rimanere però con i piedi per terra, continuare su questa strada, e continuare a divertirci. Abbiamo assunto una mentalità di gioco che ci ha portato a giocare a pallone anche oggi in un campo brutto. Abbiamo gente che lotta, che non tira mai indietro la gamba e che riesce a fare le due fasi. Il pubblico? Bellissimo… Uno esce a fare il riscaldamento, vede così tanto pubblico e pensa “sai che bello se segno e corro sotto la curva”… Sono emozioni che ti caricano, fai gol, continui la corsa, vai sotto la curva…  Quello che chiedo è che la gente arrivi mezz’ora prima, che ci creda, e che ci accompagni fin dal riscaldamento, perchè ci trasmetterebbe un’energia che ci permetterebbe di fare ancora meglio. Siamo orgogliosi di avere un pubblico come questo, è stato bellissimo, ma dobbiamo continuare su questa strada”.

L’Europa? E’ un sogno, stiamo mettendo un mattone dietro l’altro. Abbiamo fatto le fondamenta, ora servono altri tasselli. Io ci credo, siamo salvi ormai e ora abbiamo quest’obiettivo. Se avremo la testa e la voglia di lottare, e continueremo così, avremo le nostre possibilità. Segno solo quando piove? Diciamo che mi viene beneha risposto Marco alla domanda specifica fatta da ParmaFanzine.it – ho sempre giocato anche da piccolo sotto la pioggia. Mi sono sempre divertito a fare le scivolate sotto l’acqua, e diciamo che è qualcosa che mi porta bene. Speriamo dunque che da qui alla fine del campionato piova tutte le domeniche, così magari vinco la classifica capocannonieri…”