PARMA-TRAPANI 1-1 – I CROCIATI REGGONO L’URTO GRAZIE AD UNA BICICLETTA DI NOCCIOLINI

Il Parma continua a rimanere imbattuto nelle amichevoli (anche nella scorsa stagione non ha mai perso), pareggiando per 1-1 contro il Trapani, la squadra allenata da Serse Cosmi che lo scorso anno ha sfiorato la promozione in Serie A. Alla rete di De Cenco nel primo tempo ha risposto Nocciolini con una “bicicletta” che gli ha permesso di infilare il pallone in rete (anche grazie ad un intervento poco preciso del portiere avversario) pareggiando i conti nella seconda frazione.

Apolloni fa le prime prove “serie” in vista dell’esordio del 7 agosto contro il Piacenza, contro un avversaria di categoria superiore. Confermato il 3-5-2, con Coric trapani-ingressoinizialmente tra i pali (Zommers ha ricominciato ad allenarsi solo da ieri), Lucarelli al centro della difesa con ai lati Benassi e Coly. Nunzella e Mazzocchi sulle corsie laterali, con in mezzo Miglietta, Scavone e Corapi dietro alle due punte Evacuo e Melandri.

Il tecnico crociato ha deciso di aumentare il minutaggio di alcuni giocatori, ed infatti all’intervallo sono solo tre i cambi: fuori Mazzocchi, Miglietta e Melandri, dentro Garufo, Baraye e Nocciolini. Poi con il passare dei minuti spazio anche per tutti i giocatori seduti inizialmente in panchina, fatta eccezione per Ricci, acciaccato, e Panciroli.

trapani-squadre-in-campoI crociati sono sembrati molto pesanti sulle gambe soprattutto nel primo tempo e specialmente nella fase offensiva, mentre in difesa a parte il gol subito non hanno dato l’impressione di soffrire molto. A sembrare un po’ scollati sono i due reparti avanzati con il centrocampo che ha faticato ad accompagnare l’attacco anche perchè chiamato ad un notevole lavoro di copertura, soprattutto con le mezzali. Com’è successo nelle scorse amichevoli il Parma trova brillantezza e freschezza con il passare dei minuti e soprattutto grazie ai cambi ed al ritmo di gioco che, soprattutto nella ripresa, sono leggermente calati. In ogni caso, al di là del fatto che sia calcio d’agosto (frase banale ma comunque realistica) la gara di oggi ha evidenziato il fatto che le gambe sono ancora molto pesanti. Ora ci sono sette giorni, intervallati da un’amichevole di lusso contro il Chievo, per lavorarci sopra prima dell’esordio al Tardini contro il Piacenza.