PARMA-SAMPDORIA 2-0 – 3 PUNTI PER CONTINUARE A SPERARE

Tre punti per continuare a sperare. E poco importa che il Torino abbia vinto a Verona, perchè se i crociati vogliono andare in Europa dovranno comunque battere i granata a Torino la settimana prossima. La partita del Tardini, in una cornice splendida con le due tifoserie unite, non mette in mostra particolari emozioni, e se proprio dobbiamo dirlo quello visto oggi non è un bel Parma. I crociati però sono stati bravi a passare in vantaggio con Cassano, e poi chiudere la gara quando ormai più di qualcuno iniziava ad aspettarsi la beffa del pareggio. Bajza non ha dovuto fare nessun tipo di intervento straordinario, e la difesa non ha subito eccessivamente le punte doriane, ma le difficoltà in fase di costruzione sono state evidenti anche oggi. Poco importa: servivano tre punti e i tre punti sono arrivati. Il Parma è ancora padrone del suo destino, ed ora potrà andare a giocarsi la qualificazione europea a Torino.

formazioniufficialiLA FORMAZIONE: Niente da fare, siamo sempre vicini a “leggere nel pensiero” di Donadoni, ma c’è sempre una sorpresa. E allora quando riesci a prevedere la presenza di Marchionni ed Acquah a centrocampo, con Gargano in panchina, e di Amauri al centro dell’attacco, ecco che spunta la sorpresa Bajza. E’ lui infatti a difendere i pali della porta crociata dal primo minuto, con Mirante (acciaccato) che si siede in panchina. Molinaro e Cassani si occupano delle fasce laterali, con Lucarelli e Paletta al centro. A centrocampo, come già detto, di fianco al punto fermo Parolo c’è Marchionni in cabina di regia, accompagnato da Acquah. Davanti il punto di riferimento è Amauri, con Cassano defilato a sinistra e Biabiany sulla destra.

squadreincampoLA PARTITA: Che sia una partita particolare lo si intende fin dal riscaldamento pregara. La curva sud è gremita e colorata di blucerchiato, l’ambiente è quello di una festa. Tifosi di Parma e Sampdoria entrano in campo e sbandierano i loro vessilli, tra gli applausi di tutto lo stadio. Con l’ingresso delle squadre in campo, però, è partita vera: dopo il commovente minuto di silenzio in memoria di Boskov, scomparso in settimana, le squadre scendono in campo convinte di provare a portare a casa l’intera posta in palio. E’ la Samp a partire forte, ma il Parma al primo contropiede colpisce con Cassano, bravo a raccogliere un pallone perso da Parolo dopo una lunga corsa di Biabiany, e a scaraventare il pallone in rete. I crociati, galvanizzati dal vantaggio, continuano quindi ad attaccare, e sfiorano il raddoppio con Amauri. La partita, dopo un inizio scoppiettante, vive uno stallo nel quale le squadre arrivano fino all’area di rigore ma poi faticano ad arrivare alla conclusione. Okaka sente particolarmente la partita e rincorre ogni pallone, senza però trovare fortuna. Al 35′ però la Sampdoria coglie un palo su punizione con Gabbiadini, mentre poco prima Sansone (subentrato al 27′ a Soriano) aveva impegnato in Bajza con un potente sinistro. Ma quando il primo tempo sembrava volgere al termine c’è un episodio dubbio in area doriana: Cassano crossa da destra, il pallone sbatte sul braccio di un difensore blucerchiato sotto gli occhi dell’assistente dell’arbitro, che inspiegabilmente non sanziona il rigore per i crociati. Termina quindi la prima frazione con il Parma in vantaggio di una rete.
Il secondo tempo vede il Parma effettuare il primo cambio, con Amauri che non rientra in campo dopo l’intervallo, e al suo posto c’è Schelotto. La seconda frazione è però priva di emozioni: Biabiany va vicino alla rete al 10′, ma fino al 30′ i portieri restano inoperosi. I due allenatori allora corrono ai ripari: prima Sestu prende il posto di Eder, e poi Gargano sostituisce un Marchionni visibilmente in calo dopo un buon primo tempo. Entra anche Palladino, al posto di un Cassano che poco prima della sostituzione ha provato in tutti i modi a far segnare i compagni, con Schelotto e Gargano che hanno malamente sprecato. Entra anche Palladino, al posto di un Cassano che si porta a casa la standing ovation di entrambe le tifoserie. In campo, però, continua il torpore. E proprio quando c’era chi iniziava ad aspettarsi la beffa, il Parma piazza il colpo del ko con Schelotto, che devia in rete un tiro di Molinaro. La partita, sostanzialmente, si chiude qui.

boskovIL FILM DEL PRIMO TEMPO:

Prima della gara viene osservato un minuto di silenzio in memoria di Vujadin Boskov. Tutto il Tardini è in piedi in silenzio.
3′ – Ci prova Soriano per la Samp, para a terra Bajza.
7′ – Contropiede perfetto del Parma, Biabiany prima punta l’uomo poi serve Parolo che pasticcia, arriva Cassano e segna la rete del vantaggio! Parma-Samp 1-0!
7′ – Splendida immagine quella del Tardini. Lo speaker annuncia il gol di Cassano, e ad applaudirlo sono tutte e due le curve.
10′ – GIOIELLO DI CASSANO PER ACQUAH, il suo tiro viene parato da Fiorillo!!!! Occasionissima per il Parma!!!
11′ – Miracolo di Fiorillo!!!! Batti e ribatti sulla linea di porta, il portiere doriano blocca il tiro di Amauri sulla linea!!!
16′ – Stop a seguire di Okaka. Ha inseguito il pallone fino al fondo.
20′ – Si scaldano Palladino e Schelotto.
27′ – Primo cambio per la Samp, entra Sansone, esce Soriano.
32′ – Ci prova Gabbiadini da lontano, Bajza devia in angolo.
33′ – Tiro di Sansone, potentissimo ma “in bocca” a Bajza che blocca.
35′ – PALO DI GABBIADINI SU PUNIZIONE! Bajza era però sulla traiettoria.
36′ – Ammonizione per Molinaro per un fallo fatto in precedenza. Giacomelli ha lasciato correre ed ha estratto il giallo ad azione conclusa.
37′ – Okaka vuole fallo, l’arbitro dice di no. Per una volta non è lui a rifiutare qualcosa.
38′ – Ammonito Paletta per un fallo su Eder.
45′ – 3 minuti di recupero.
46′ – Rigore negato al Parma, fallo di mani nettissimo al limite dell’area su cross di Cassano, Giacomelli lascia proseguire!
47′ – Amauri di testa, tiro fiacco direttamente tra le mani di Mirante.
48′ – Termina il primo tempo.

parmasampevidenzIL FILM DEL SECONDO TEMPO:

1′ – Primo cambio nel Parma: dentro Schelotto, fuori Amauri.
1′ – Giallo per Okaka, gomitata ai danni di Molinaro.
10′ – PARMA VICINISSIMO AL RADDOPPIO!!!! Lancio splendido di Paletta per Biabiany che stoppa e tira da posizione decentrata, pallone a fil di palo!
16′ – Partita spenta finora, in questo secondo tempo. Poche emozioni, a parte il tiro di Biabiany a fil di palo.
20′ – Secondo cambio per la Samp, dentro Sestu, fuori Eder.
26′ – INCREDIBILE PALO DI SCHELOTTO, ANCHE SE IN FUORIGIOCO! Corner dalla destra, testa di Lucarelli, testa di Biabiany e Schelotto prende il palo, ma era in offside.
28′ – Fuori Marchionni, dentro Gargano.
32′ – Punizione di Gargano, pallone alto.
32′ – Dentro Maxi Lopez, fuori Krstic: ultimo cambio per la Samp.
33′ – Cross splendido di Cassano, Schelotto la prende di orecchio. Non c’è altra spiegazione.
35′ – Fuori Cassano tra gli applausi di tutto lo stadio, dentro Palladino.
35′ – Palladino invece si becca i fischi dei doriani, in qualità di ex-genoano.
44′ – Gol del Parma!!!! Tiro al volo di Molinaro, sul rasoterra tocca Schelotto che insacca!!!!! Parma-Sampdoria 2-0!!!
45′ – 3 minuti di recupero.
48′ – Termina il match, il Parma vince e continua a sperare!

L’Editorialista