PARMA-MILAN – LA PROBABILE FORMAZIONE: SORPRESA GOBBI A CENTROCAMPO?

Questo pomeriggio i crociati si alleneranno a porte chiuse, e avranno l’occasione di mettere a punto i dettami tattici di Donadoni in vista della sfida di domenica sera contro il Milan. L’assenza di Biabiany crea non pochi grattacapi al tecnico crociato, anche se con il recupero di Palladino non dovrebbe essere un problema sostituire il francese nello scacchiere tattico del Parma.

Andiamo però a vedere quella che potrebbe essere la formazione che scenderà in campo domenica alle 20:45:

probabileparmamilanDIFESA: Ci sono due dubbi, uno di carattere fisico e l’altro di tipo tecnico. Il primo è legato alle condizioni di Paletta, che ieri ha svolto l’intero allenamento con i compagni anche se ha dimostrato di essere ancora un po’ condizionato dall’acciacco che gli ha impedito di rispondere alla convocazione in Nazionale. C’è però tutto il tempo per acquistare sicurezza e tranquillità, e quindi al centro della difesa, a fianco di Capitan Lucarelli, dovrebbe esserci proprio il Palettone Nazionale. Donadoni ha comunque provato due alternative, con Felipe che sembra convincere più di Mendes, almeno stando a quanto visto ieri pomeriggio. Sulla fascia destra Cassani sembra aver superato completamente il problema che lo ha visibilmente condizionato nell’esordio contro il Cesena, e non ci sono quindi dubbi sul suo utilizzo. A sinistra, invece, De Ceglie è pronto a sfilare la maglia da titolare a Gobbi. Sembra che questa sia più di una possibilità, e non è un caso che Donadoni abbia schierato proprio Gobbi come interno di centrocampo, ieri pomeriggio, provando fino in fondo il terzino scuola Juve sulla fascia sinistra. In questo momento è proprio quest’ultimo il favorito.

jorqueraCENTROCAMPO: Si attende il ritorno di Acquah dal viaggio con la propria Nazionale, e ancora una volta sarà lui il cardine di una linea mediana che dovrà non solo rompere le trame della squadra di Inzaghi, ma avrà bisogno di maggiore peso e consistenza rispetto a quanto visto a Cesena. In cabina di regia Lodi: anche da lui, dopo l’esordio a pochi giorni dal suo arrivo, ci si attende una maggiore concretezza. Quella su chi sarà colui che occuperà il terzo “slot“, invece, è ancora una domanda senza risposta. Potrebbe essere riproposto Jorquera, anche se contro il Cesena il cileno non ha lasciato un segno tangibile. Potrebbe quindi esserci l’inserimento di Mauri, che esordirebbe così dal primo minuto in Serie A, anche se il tecnico dovrà valutare bene una scelta coraggiosa ma non di certo campata per aria: il giovane continua ad impegnarsi a fondo negli allenamenti ed è un giocatore di personalità. Nonostante l’avversaria di grande spessore, quindi, potrebbe davvero sorprendere tutti e dare al centrocampo del Parma quel dinamismo che è mancato all’esordio. C’è però un’altra opzione, che non è assolutamente da scartare conoscendo il tecnico bergamasco: come abbiamo riportato qualche riga fa Gobbi è stato provato da interno di centrocampo, e non ci stupirebbe se proprio il terzino occupasse quel ruolo domenica sera. Lucas, infine, dovrebbe accomodarsi in panchina visto che il transfer dovrebbe essere arrivato correttamente.

cassanoinfortunatoATTACCO: Cassano sì, BiabiaNo, Palladino forse. FantAntonio non può sicuramente vantare lo stesso stato di forma dei compagni, giustificato dal problema al ginocchio che lo ha tenuto fermo per più di qualche giorno, ma diventa difficile pensare che Donadoni rinunci al fantasista barese, che con ogni probabilità verrà schierato al centro dell’attacco. A sinistra ci sarà Belfodil, al rientro (come Acquah e Ristovski) dalla parentesi con la propria Nazionale. A tenere banco è invece il ballottaggio per sostituire Biabiany: il piccolo stop subito da Palladino, che si è allenato solo in palestra ieri pomeriggio, non desta troppe preoccupazioni, e quindi il giocatore dovrebbe schierarsi sulla parte destra dell’attacco. Le alternative sono Ghezzal o Bidaoui.

probabileparmamilan