PARMA-MILAN 4-5 – TANTO CUORE, POCO ORDINE E TROPPI SVARIONI DIFENSIVI: PASSA IL MILAN

parmamilanevidenzLe assenze pesano, e si sa, e quando mancano Paletta, Cassani e Biabiany ad una squadra come il Parma è inevitabile che la fatica sia molta. La squadra di Donadoni, però, di fronte ad una squadra come il Milan come quello di Inzaghi ha dimostrato di essere davvero troppo precario in difesa (malissimo Ristovski, impalpabile De Ceglie), e con poco peso a centrocampo. A colpire è stato soprattutto la mancanza di ordine in certi disimpegni, o nella gestione di alcuni attacchi degli avversari. Dei cinque palloni raccolti in fondo alla rete da Mirante, almeno due sono causa di errori inspiegabili di disimpegno, mentre in altri due il posizionamento del reparto ha lasciato molto a desiderare. Di buono c’è però il cuore di un Parma che non ha mai mollato il colpo, cercando comunque di raggiungere un pareggio che onestamente non sappiamo quanto sarebbe stato meritato. Proprio da qui deve ripartire Donadoni, da un atteggiamento sicuramente più positivo rispetto a quello di Cesena, ma registrando una difesa che ha lasciato a desiderare, volendo usare un eufemismo.

LA FORMAZIONE: Niente Paletta, ma non solo, perchè a dare forfait è anche Cassani. Donadoni quindi lancia Ristovski sulla fascia destra, con De Ceglie sul lato opposto, oltre a Lucarelli e Felipe al centro della difesa. Jorquera vince il ballottaggio a centrocampo, e si schiera al fianco di Lodi ed Acquah. Davanti Ghezzal e Belfodil si sistemano ai lati di Cassano. In fase difensiva, o di non possesso, Donadoni ha previsto un 4-1-4-1, con Belfodil e Ghezzal che arretrano fino alla linea dei centrocampisti.

squadreincampocontroilmilanLA PARTITA: Il Parma per riscattare la prestazione (e la sconfitta) di Cesena, il Milan per confermare le buone sensazioni date nell’esordio casalingo. Sono questi i temi di una sfida, quella del Tardini, che vede Donadoni dover stravolgere la squadra per le assenze di Biabiany, Paletta e Cassani. Il Parma prova a difendersi con ordine, anche se dimostra di non essere perfetto: sono molte fin da subito, infatti, le indecisioni di un reparto che questa sera ha visto l’esordio stagionale di Felipe e Ristovski. Il Milan dal canto suo attacca ma almeno all’inizio non punge, grazie anche al sacrificio di Belfodil e Ghezzal, che in fase di non possesso arretrano per dare una mano al centrocampo. E’ sull’asse De Ceglie-Belfodil, però, che ci sono le maggiori difficoltà, ed il Milan non appena l’ha capito ha iniziato a spingere proprio lì. La parità dura fino al 24′, quando un rimpallo sfortunato porta Belfodil a servire Honda: il pallone arriva poi a Bonaventura che è bravo a lasciar scorrere il pallone e bucare Mirante. Il Parma risponde subito con Cassano, bravissimo a finalizzare di testa un’azione lunga ma molto bella, con il pallone che di prima arriva sui piedi di Jorquera che da sinistra serve l’assist vincente. Il pari invece di dare maggiore coraggio ai crociati sveglia definitivamente il Milan, che mette in risalto tutte le difficoltà di questo Parma. Jorquera a centrocampo è bravo in fase offensiva, ma toglie peso in fase difensiva, mentre Ristovski non è sembrato sempre perfetto. Le difficoltà difensive del Parma vengono esaltate nel secondo gol del Milan, arrivato al 37′: manco a dirlo i rossoneri bucano a sinistra, con Abate, che crossa al centro; la difesa crociata si sposta sul primo palo, Ristovski tarda a fare la diagonale e per Honda è fin troppo facile spingere di testa la palla in rete. Il raddoppio è un duro colpo del Parma, che tarda a reagire. Proprio allo scadere, quando sembrava che i crociati avessero iniziato ad avere un accenno di reazione, Lucarelli si fa prendere in velocità da Menez, e invece di lasciarlo passare gli mette le mani addosso a ridosso dell’area di rigore: rigore e solo ammonizione per il Capitano crociato, graziato in questo caso da Massa visto che Menez era solo davanti a Mirante. Forse il fallo era cominciato fuori dall’area. Lo stesso francese è freddo dal dischetto nel battere Mirante, portando a tre le reti dei rossoneri proprio sul finale del primo tempo.
Al Parma, nel secondo tempo, si chiede soprattutto una reazione di orgoglio, al netto delle assenze importanti che di sicuro hanno condizionato la gara dei crociati. E la reazione sembra arrivare: Cassano aizza la Nord, il tifo si scalda, il baricentro della squadra di Donadoni è sempre più alto, e arriva anche il gol che accorcia le distanze, con Felipe bravissimo a deviare in rete un tiro svirgolato di Jorquera. Il Parma inizia quindi a crederci, e lo fa ancor di più dopo che il Milan resta in inferiorità numerica: Bonera entra in scivolata per bloccare un tiro di Jorquera, ma lo blocca con la mano, beccandosi così la seconda ammonizione. In rapida successione Inzaghi è costretto a cambiare l’intera difesa, visto che anche Alex è costretto a dare forfait per infortunio. I crociati spingono, ma purtroppo decidono di farsi del male da soli, quando Felipe sbaglia un passaggio diretto a Cassano, con il barese che invece di tentare il recupero si ferma ad imprecare: per De Jong è fin troppo facile correre per tutto il campo da solo e bucare Mirante, portando ancora a due le reti di distanza. Il Parma però è brutto, disordinato, con numerose assenze, ma ci ha messo sempre un cuore “grande così”, e lo ha fatto soprattutto con il proprio Capitano, che di testa su corner accorcia ancora le distanze, riportando il Parma ad una marcatura di distanza. Donadoni allora ha provato a spingere anche con i cambi, con l’inserimento di Palladino e Coda, ma pochi minuti dopo ha dovuto fare i conti con un errore abbastanza netto dell’arbitro Massa, che ha estratto il secondo cartellino giallo per Felipe per un fallo inesistente su Menez, che si è lasciato cadere senza essere toccato. Si ristabilisce così la parità numerica, ma non quella relativa al punteggio, con la forbice che anzi si allarga grazie all’ennesimo errore difensivo: Ristovski serve a Mirante un passaggio poco convinto, sul quale si avventa Menez che prima aggira Mirante e poi con il tacco segna il quinto gol. Il Parma non avrebbe la forza di recuperare, ma anche il Milan decide di farsi del male, regalando al Parma il quarto gol con un retropassaggio di De Sciglio lisciato dal portiere rossonero, con il pallone che si insacca alle sue spalle. Gli oltre sei minuti di recupero non bastano però ad un Parma a corto di fiato, con il Milan che quindi passa al Tardini per 5-4 al termine di una partita incredibile.

curvanordcontroilmilanIL FILM DEL PRIMO TEMPO:

3′ – Difesa crociata titubante, il pallone arriva tra i piedi di De Sciglio che prova da fuori: pallone ampiamente alto.
5′ – AZIONE PERICOLOSISSIMA DEL PARMA!!!! Lancio di Lucarelli, cross di Cassano da destra, Belfodil ci prova in scivolata ma Lopez devia in angolo!
8′ – In fase difensiva Belfodil e Ghezzal si posizionano addirittura dietro a Jorquera ed Acquah. Copertura massima per poi ripartire, questa sembra essere la mossa tattica di Donadoni.
15′ – Il Milan fa la partita ma non punge, il Parma si difende con questo 4-1-4-1 (Lodi e Cassano i due “uno”) e per ora non corre grossi rischi.
16′ – Ammonito Bonera per un fallo su Cassano.
20′ – Mirante anticipa Alex sulla linea di porta e salva il Parma in una situazione pericolosa!
22′ – Bonaventura pericolosissimo di testa, pallone fuori di poco! Il Parma ora soffre un po’.
23′ – Felipe prende il pallone, ma l’arbitro non solo gli fischia fallo ma in più lo ammonisce. Incredibile.
24′ – Gol del Milan con Bonaventura. Sfortunato Belfodil che serve inavvertitamente Honda, assist per Bonaventura che fa scorrere il pallone e buca Mirante. Parma-Milan 0-1
26′ – Azione spettacolare del Parma, che termina con un cross di Jorquera con Cassano che di testa segna il gol del pareggio!!!!! Non sento più i milanisti che lo sfottevano, qualcuno mi spiega perchè? Parma-Milan 1-1
37′ – Ancora in vantaggio il Milan, cross dalla sinistra di Abate, e Honda si inserisce nella difesa del Parma e buca di testa Mirante. Parma-Milan 1-2
44′ – Massa grazia Lucarelli, onestamente sembrava rigore (anche se forse il fallo è iniziato fuori dall’area) ed espulsione. Solo giallo per il Capitano, che però ha steso Menez in area. Rigore per il Milan.
45′ – Rigore forte e centrale, Mirante non può nulla. Menez segna quindi il terzo gol per il Milan. Per il Parma è buio pesto. Termina così il primo tempo. Parma-Milan 1-3

parmamilanevidenzIL FILM DEL SECONDO TEMPO:

1′ – Inizia il secondo tempo, nessun cambio per il Parma.
5′ – Cassano incita la Nord, il Parma prova ad accorciare le distanze.
5′ – Sponda di Ghezzal, tiro svirgolato di Jorquera su cui si lancia Felipe e segna il secondo gol del Parma!!!! Parma-Milan 2-3

9′ – MIRACOLO DI MIRANTE SU ABATE!!! Progressione centrale del terzino del Milan, il tiro a fil di palo è deviato in angolo dal portierone crociato!
12′ – ESPULSO BONERA!!!!! Fallo di mano sul tiro di Jorquera, seconda ammonizione per il difensore del Milan che ora resta in dieci uomini!!!!
14′ – Punizione da ribattere, ammonizione per De Jong che era uscito prima dalla barriera.
15′ – Batte Cassano, il pallone esce deviato da Ghezzal che era in fuorigioco.
16′ – Entrano Rami e Zapata al posto di Honda ed Alex.
18′ – Si prepara Palladino.
19′ – Fuori Ghezzal e dentro Palladino. Con il Milan in inferiorità numerica il Parma ora spinge per raggiungere il pareggio.
23′ – Quarto gol del Milan con De Jong. Incredibile Cassano, perde il pallone e invece di rincorrerlo si ferma ad imprecare contro Felipe. Erroraccio della difesa del Parma, con De Jong che fa tutto il campo e buca Mirante. Parma-Milan 2-4
24′ – Ammonito De Ceglie che ferma un avversario trattenendolo per la maglia.
26′ – Fuori Jorquera, dentro Coda.
27′ – Il Parma non sarà bello, non sarà perfetto, ma ha un cuore grande così: Alessandro Lucarelli accorcia ancora le distanze con un colpo di testa perfetto!!! Parma-Milan 3-4.
30′ – MIRANTE DEVIA SUL PALO UN TIRO DI MENEZ!!! Il Milan ci prova in contropiede!
32′ – Anche il Parma in dieci, seconda ammonizione SCANDALOSA per Felipe, che nemmeno sfiora Menez. L’arbitro Massa fa un errore madornale.
33′ – Fuori Belfodil, dentro Bidaoui.
33′ – HARAKIRI CROCIATO. Ristovski passa male per Mirante, Menez da due passi segna il quinto gol del Milan. Parma-Milan 3-5

39′ – Ammonito Acquah per un fallo su Menez.
43′ – Autogol di De Sciglio, incredibile!!!! Il Milan regala al Parma il quarto gol!!!! Parma-Milan 4-5
45′ – 6′ di recupero!
46′ – Diego Lopez, il portiere milanista, è in campo nonostante uno stiramento!
52′ – Finisce la gara del Tardini. Passa il Milan 5-4.

L’Editorialista