L’Antivigilia di Gabrielo, aspettando Parma-Juventus

Aspettando Parma-Juventus…

Dopo una sconfitta da polli cosa c’è di meglio che ricevere la Juventus in casa? Niente, assolutamente niente. Potrà sembrare un paradosso, lo capisco, ma una partita del genere ti obbliga a una concentrazione del 110%, oppure finisci gambe all’aria e spernacchiato. La Juventus è reduce da un rotondo 4-0 contro il Catania, ma Andonio Gonde dovrebbe operare un massiccio turnover in vista della partita di Champions contro il Real Madrid. In poche parole, Felipe dovrebbe marcare Giovinco o Quagliarella e non Tevez e Llorrente. Non c’è da dormire sonni tranquilli, insomma, anche se il reintegro di nonno Lucarelli dopo la squalificata offre qualche garanzia in più, vista la straordinaria forma mostrata dal capitano. Donadoni ha tutti gli uomini a disposizione, a parte i soliti Paletta e Galloppa, quindi è altissima la probabilità che sia schierato il suo undici titolare classico, con il duo Cassano-Amauri in attacco. La difesa dovrebbe esssere Cassani, Lucarelli, Felipe anche se, forse, c’è una piccola possibilità per Benalouane.

benabaffiEcco, su Benabanana vorrei aprire una parentesi. Il francotunisino, ingenuità sul rigore lampo a parte, ha disputato una gara decisamente positiva contro il Genoa. I poveri addetti ai lavori deputati alle statistiche sono letteralmente impazziti nel contare quanti anticipi secchi e puliti ha eseguito il centrale del Parma. Sul serio, Yohan ancora una volta ha dimostrato un dinamismo, un’esplosività e una capacità di leggere il gioco davvero notevoli e non si capisce più quale possa essere il motivo per cui gli venga, puntualmente, preferito Filippo il Bello. Sarà una questione di baffi? Inizio a pensare che sia proprio così, Filippo il Bello gioca perché ha i baffi.

Per il resto, cosa aggiungere se non che domani c’è la Juve. La “Partita”. Forse i nostri baldi giocatori non hanno ben presente cosa significhi per il pubblico di Parma affrontare la Juventus. Oggi pomeriggio il mister ha detto che “in certe partite gli stimoli vengono da soli”. Questo è vero ma è bene che i giocatori si mettano in testa che domani per Parma è quasi un derby. In palio non ci sono più le Coppe o i primi posti della classifica come ai bei tempi, ma la partita rimane particolare per tutta una serie di motivi storici che nessun tifoso crociato può dimenticare. Domani pomeriggio il Tardini esigerà di vedere una squadra con il sangue agli occhi.

Ora armiamoci di baffi e vediamo insieme i motivi più importanti per cui il Parma deve battere la Juventus.

mauro culano

arrighe

goldefinitivo

dinobaggio