PARMA-INTER 2-0 – PARMA: FINALMENTE!!!

Finalmente. Un Parma voglioso, determinato, capace di soffrire e di colpire al momento giusto. Una porta inviolata per la prima volta in stagione, una doppietta di De Ceglie, un Lodi finalmente protagonista anche in fase di interdizione, una difesa arcigna, un Cassano in giornata di grazia. La panchina in campo dopo ogni gol, la squadra sotto la Curva al fischio finale. Parma-Inter è questo, superfluo dire altro.

formazioni-interLA FORMAZIONE: Una sola è la sorpresa rispetto alle attese della vigilia: Mendes, infatti, nonostante non fosse partito dal 1′ a Torino, si accomoda ancora in panchina. Al suo posto la conferma di Costa che con Lucarelli e Felipe compone il trio difensivo. De Ceglie sostituisce Gobbi a sinistra, mentre il resto del centrocampo resta invariato rispetto alla sfida contro i granata, con Lodi in cabina di regia, Acquah e Mauri ai suoi lati, e Rispoli sulla destra. Coda, infine, fa la spalla di Cassano.

LA PARTITA: A questo Parma era stato chiesto, dopo la gara di Torino, di iniziare la gara con l’approccio giusto fin dal 1′. I ragazzi di Donadoni, da questo punto di vista, sono encomiabili fin dal fischio d’inizio: baricentro avanzato, pressing, corsa e tanto agonismo. Ed è proprio quest’atteggiamento che viene premiato dopo soli 4′, quando De Ceglie raccoglia in area un cross di Rispoli e buca Handanovic. Il Tardini esplode, l’Inter è confusa, mentre il Parma raccoglie fiducia a piene mani. Lodi è un altro rispetto al giocatore involuto visto nelle prime gare di campionato, prodigandosi anche in fase di interdizione; Cassano è in stato di grazia, ogni pallone che tocca lo trasforma in oro; la difesa tiene e chiude ogni attacco avversario (anche se nell’economia della gara pesano i gialli a Lucarelli e Costa). Insomma, tutto quello che questo Parma avrebbe dovuto dimostrare, si è visto nei primi 45′ del Tardini. Al 12′ però arriva la doccia gelata, con Coda che cade a terra e si infortuna praticamente da solo. Con Belfodil in permesso per la nascita del figlio, in panchina c’è il solo Ghezzal disponibile, visto che Palladino è stato convocato ma non si è praticamente mai allenato con i compagni. L’apprensione si scioglie in un applauso per l’ex Nova Gorica, che però lascia il campo. Il Tardini allora si ammutolisce, il Parma probabilmente pensa per qualche minuto che questa stagione è sempre più nera, senza nessuna possibilità di provare a pensare in positivo. La squadra di Mazzarri però non ne approfitta, costruendo il proprio gioco con una lentezza quasi disarmante. Il Parma ringrazia, e dopo una decina di minuti di tensione, inizia di nuovo a mettere in campo tutto quello che ha. Con Ghezzal al posto di Coda il baricentro si abbassa, ma Mirante non corre quasi nessun pericolo. E’ anzi il Parma a rendersi pericoloso in avanti, con la premiata ditta Lodi-Cassano che davvero ha azzeccato la partita giusta per incantare il pubblico del Tardini. Il vantaggio regge, nonostante i 3′ di recupero, fino al duplice fischio di Rizzoli. Niente fischi per i crociati, anzi: una caterva di applausi.
Il secondo tempo si apre con due cambi, anche se dopo pochi minuti: Hernanes prende il posto di Obi nell’Inter, mentre nel Parma è Santacroce ad entrare al posto di Felipe, che aveva subito un colpo nel primo tempo. Il Parma, gioco forza, non riesce ad alzare il proprio baricentro per la mancanza di Coda, però prova a difendersi dagli attacchi dell’Inter, che ha ovviamente bisogno di cercare il pareggio. L’Inter prova a cercare la porta, ma lo fa in maniera disordinata. Il Parma invece si affida a De Ceglie per le ripartenze, anche se è la squadra di Mazzarri a cercare maggiormente la rete. Tutti i tiri dei nerazzurri, però, terminano o a lato, o ampiamente sopra la traversa. Indicativa l’occasionissima che passa per i piedi di Palacio, che da due passi tira altissimo. E allora il Parma soffre, si chiude, magari alcune volte si scopre in maniera preoccupante, ma non rischia quasi mai. E anzi, raddoppia: Cassano prende palla, temporeggia, trova lo spazio per il tiro che però viene deviato, e sul pallone arriva De Ceglie, che mette a segno la doppietta personale, con il Tardini che esplode di gioia.

inter-evidenzaIL FILM DEL PRIMO TEMPO:

1′ – Partiti!
4′ – Ed il Parma passa in vantaggio!!!!!!! Acquah recupera un pallone preziosissimo, Rispoli da destra crossa e De Ceglie insacca!!!!! Parma-Inter 1-0
6′ – A questo Parma era stato chiesto un approccio alla gara diverso dalle scorse partite, e da questo punto di vista la squadra finora è encomiabile.
8′ – Velo strappapplausi di Cassano per Lodi, che lancia Acquah: il tiro del ghanese di poco a lato!
11′ – Giallo per Costa che ha “steccato” da dietro Icardi.
12′ – Coda a terra, la sensazione è che sia uno strappo, incrociamo le dita ma sembra davvero un infortunio grave….
14′ – Ghezzal è già pronto per entrare, si sta cercando di capire se Coda può proseguire.
16′ – Ammonito Lucarelli per proteste.
17′ – Fuori Coda, dentro Ghezzal.
19′ – Fate un monumento a Cassano. Subito. Torna, pressa, ruba palloni… GIGANTESCO.
20′ – Ci prova Kuzmanovic di testa, nessun pericolo per Mirante.
22′ – Tiro di Medel, pallone in Piazza Garibaldi.
28′ – Lucarelli sbroglia di testa una situazione pericolosa. DAI CAPITANO!!!
30′ – Lancio splendido di Lodi per Cassano, il tiro deviato termina in angolo!!! Il Tardini si infiamma!!!
36′ – Tutto ed il contrario di tutto. Cassano incanta con un colpo di tacco spettacolare, Ghezzal fa una cosa incomprensibile. That’s Parma.
38′ – Fallo di Capitan Lucarelli che rischia moltissimo, essendo già ammonito.
40′ – Fallo inspiegabile fischiato da Rizzoli che ferma un contropiede del Parma!
45′ – 3′ di recupero.
48′ – Fine primo tempo. UN PARMA DA APPLAUSI. Lotta, corre, ed è in vantaggio.

squadreincampo-interIL FILM DEL SECONDO TEMPO:

1′ – Partito il secondo tempo!
3′ – Ci prova Kuzmanovic da fuori, Mirante controlla il pallone che termina a lato.
5′ – Fuori Obi, dentro Hernanes. Primo cambio per l’Inter. Per il Parma fuori Felipe, dentro Santacroce.
6′ – Santacroce entra benissimo in partita anticipando un avversario e subendo fallo.
8′ – Tiro di Palacio termina in rimessa laterale.
11′ – Il Parma sta soffrendo un po’ ora, anche se l’Inter attacca in modo disordinato.
14′ – Ancora Kuzmanovic da fuori, pallone alto.
21′ – Il Parma si lancia in contropiede e guadagna un angolo, il Tardini si infiamma!
22′ – Occasionissima per l’Inter, ma Palacio spara in curva!
23′ – PALO DELL’INTER!!! Il tiro di Kovacic deviato centra il palo e termina in angolo!
24′ – Mirante ammonito per aver perso tempo. Il portiere crociato in realtà stava protestando per un fallo subito non fischiato.
26′ – Hernanes da fuori, pallone alto! Il Parma ora sta subendo!
27′ – Icardi prova il tiro, pallone ancora a lato!
27′ – Altro cambio per l’Inter, fuori Kuzmanovic dentro Bonazzoli.
30′ – Cassano prova il tiro, il pallone deviato termina tra i piedi di De Ceglie che segna il secondo gol del Parma!!! Il Tardini esplode!!!! Parma-Inter 2-0
36′ – Bella sciarpata della Curva Nord!
38′ – Ghezzal sfiora il gol!!! Pallone fuori di poco!
40′ – Ammonito Dodò per un brutto fallo su Rispoli.
42′ – Rispoli sfiora il terzo gol!!!!!
43′ – Cambio per l’Inter, fuori Medel dentro Camara.
44′ – Solo Handanovic con una paratona nega a De Ceglie la tripletta!!!!!
45′ – La Curva Nord canta: “Salta con noi, Walter Mazzarri”.
46′ – STANDING OVATION PER DE CEGLIE!!!!! Al suo posto entra Gobbi.
46′ – 4 minuti di recupero.
49′ – Finisce la gara! Il Parma centra la prima vittoria in casa!

L’Editorialista