PARMA-GENOA – LA PROBABILE FORMAZIONE

Il Parma durante tutta la settimana si è allenato a porte chiuse, in vista della sfida contro il Genoa. Un modo per ricompattare l’ambiente, per lavorare in pace senza particolari distrazioni. Il cancello chiuso del Centro Direzionale di Collecchio, però, potrebbe anche indicare un possibile cambio di modulo provato e testato lontano da occhi indiscreti. La fase difensiva del Parma va rivista, ed i 14 gol subiti in 5 partite sono lì a dimostrarlo. E’ anche vero che i “buchi”, lì dietro, sono stati quasi sempre legati ad errori dei singoli, e non di certo a problemi legati al 4-3-3 Donadoniano, modulo che Parma ormai conosce bene ma che ha bisogno del contributo di tutti (soprattutto in fase di non possesso palla) per funzionare in maniera adeguata. Al momento non sembra che il modulo del Parma subirà particolari variazioni, ma tutto può accadere.

probabile-formazione-genoaAndiamo quindi a valutare la probabile formazione che dovrebbe scendere in campo domenica.

IL 4-3-3 VERRA’ CONFERMATO? – E’ l’ipotesi più probabile, visto che il tecnico vorrà dare altre possibilità ad un sistema di gioco che ha visto il Parma segnare molto, ma che va perfezionato dal punto di vista difensivo. Santacroce e Costa sono stati recuperati, e si siederanno in panchina. Mendes dovrebbe essere confermato a destra, mentre Gobbi si posizionerà nella fascia opposta. Al centro la coppia Lucarelli-Felipe “osservata speciale” dopo gli errori delle scorse partite. A centrocampo c’è da registrare l’assenza di Acquah (squalificato), ed il probabile ritorno di Lodi. L’unico ad essere sicuro del posto, al momento, è Jose Mauri: Jorquera, Lodi e Galloppa si giocheranno le loro chance per le due maglie restanti. E’ probabile, in ogni caso, che vengano riproposti Lodi e Jorquera assieme, visto che il cileno ha dimostrato contro l’Udinese di essere migliorato dal punto di vista del pressing e della corsa. In attacco Belfodil, Palladino e Ghezzal hanno deluso, ed è difficile che gli venga data una possibilità dal 1′. Più probabile che partano gli stessi tre che erano scesi in campo contro l’Udinese, con Cassano faro centrale, con De Ceglie a sinistra e Coda a destra.