PARMA FEMMINILE – TRA CONFERME, PARTENZE E ARRIVI UN SOLO OBBIETTIVO: LA SERIE B

Questo pomeriggio presso il Centro Sportivo di Collecchio si è tenuta la presentazione non solo dei programmi e dei quadri tecnici del Settore Giovanile crociato per la stagione che sta per iniziare, ma anche la presentazione dei programmi della squadra femminile. A svelarli il responsabile Fausto Pizzi ed il segretario Giovanni Manzani.

Ecco i passaggi salienti della conferenza stampa:

Giovanni Manzani: Per quanto riguarda la squadra femminile contiamo con l’annata molto positiva della scorsa stagione nonostante il mancato salto di categoria. È stato un motivo di crescita per noi, è stato un confronto con una prima squadra che ha delle peculiarità ed una fascia di età all’interno molto variegata, dalla ragazzina di 15 anni a quella più matura e più esperta. È stata una buonissima palestra. Ci ha permesso di conoscere meglio quest’ambiente. Nell’anno uno, ovvero il prossimo, la nostra idea è quella di entrare maggiormente in quest’ambiente e renderla omogenea con il resto del gruppo Parma. Ci piaceva cercare di diminuire le pizzi-manzanidistanze tra il settore giovanile e quello femminile, tenendo conto che alcune cose non possiamo forzarle, visto che per esigenze lavorative le ragazze si allenano la sera ed il Centro Sportivo non ha l’illuminazione artificiale. Non potendo avere le ragazze qui abbiamo cercato di trasferire parte di noi all’interno del loro settore. Nello staff tecnico ci saranno delle collaborazioni tra il settore giovanile ed il settore femminile. L’allenatore rimarrà Libassi, e verrà seguito da alcuni collaboratori come Bucchioni, Pelati e Ferrari. Volevamo con queste scelte cercare di essere ancora più presenti e rendere un tutt’uno tutto ciò che fa parte della famiglia Parma. Penso che avremmo avuto la possibilità di poter pensare ad un ripescaggio, anche se materialmente nessuno ce l’ha mai chiesto, ma ci piaceva l’idea di guadagnarci sul campo le categorie e i risultati. Forse non siamo ancora pronti per fare questo passaggio, ci piace fare i passi che ci possiamo permettere di fare, e da questo punto di vista ci piaceva l’idea di ripartire, ringiovanendo la rosa e quindi preparare un salto di categoria, cercando di fare dei passi misurati. Ci siamo iscritti al campionato di Serie C, ci sarà una riunione il 17 agosto a Bologna per fare il punto e capire le squadre iscritte e quello che sarà il girone. Si era parlato di fare una Coppa Emilia che mettesse assieme le squadre di C e D o di fare una Supercoppa, ci sono alcune idee in cantiere che cercheremo di verificare. Come date di inizio attività vorremmo iniziare la settimana del 22 agosto, iniziando a Collecchio, mentre la novità riguarda la location scelta per gli allenamenti delle ragazze, che è il Centro Sportivo “Il Noce” di Noceto. Le partite interne invece si giocheranno sempre a Collecchio. Dal 30 di agosto ci sposteremo poi a Noceto, dopo la prima settimana a Collecchio”.

Fausto Pizzi: “Nella squadra femminile crediamo molto, pensiamo di avere un contenuto tecnico e importante per la categoria, che la squadra possa fare anche meglio dello scorso anno visto che alcune giocatrici giovani devono ancora esprimere il loro potenziale. Ci saranno nuovi arrivi che stiamo definendo, e perderemo un paio di giocatrici come ad esempio Alessandra Pizzola, che si è iscritta all’Università a Milano, mi ha chiesto di continuare a giocare ad alti livelli, allora ho chiamato Beppe Baresi, che è un amico che ringrazio, e lui al buio ha accettato il suggerimento dato e quindi lei giocherà all’Inter in prestito nella prossima stagione, rimanendo però di proprietà del Parma. Vogliamo scalare le categorie e mantenerle“.

squadra-femminileGiovanni Manzani: Nuovi acquisti? Abbiamo formalizzato un nuovo arrivo: è una ragazza che si chiama Beatrice Parizzi, che ha giocato già a Noceto, ha 22 anni. La vogliamo recuperare, è un prospetto importante che vogliamo recuperare ad alti livelli. Poi ci sono alcune ragazzine che entrano nella fascia d’età e quindi le valuteremo in preparazione per capire se possono giocare o meno con la prima squadra. Sono ragazzine del 2001 o del 2002″.

Fausto Pizzi: “Lo stage di Vicofertile? Il bilancio è positivo, abbiamo avuto una cinquantina di iscritte ed il Vicofertile ha avuto modo di tesserare nuove ragazze, e siamo felicissimi di com’è andato quest’esperimento”.

Giovanni Manzani: Il tecnico? È stato un anno zero non solo per noi, ma anche per Libassi. Abbiamo voluto dare la comunicazione sia all’interno che all’esterno che nonostante il risultato finale non sia arrivato, il lavoro è stato positivo e c’è margine per migliorare. Cambiare avrebbe significato un nuovo anno zero, e non sarebbe stato giusto. Crediamo fortemente che migliorando e con il nostro supporto ci sia la possibilità di fare un campionato da professioniste e di crescere nel modo giusto”.

Fausto Pizzi: Quello che ci piacerebbe vedere è che il discorso tecnico formativo delle ragazze possa innalzarsi. Cercheremo di aiutare Libassi, ed in questo senso abbiamo portato novità negli allenamenti ed anche nel numero degli stessi: lo scorso anno si allenavano due volte alla settimana, quest’anno invece inizieranno con quattro, poi tre, e poi alterneranno per tutta la stagione settimane da due allenamenti e settimane da tre. Amichevoli? Alcune da mettere a punto, anche abbastanza importanti”.

Giovanni Manzani: Per le ragazze dobbiamo capire le date del campionato. Il 4 settembre giocheremo un’amichevole, abbiamo un paio di richieste, mentre l’11 abbiamo avuto l’invito del Mantova, e la proposta di fare un triangolare da loro con l’Inter”.