PARMA, DIFESA DECIMATA PER LA COPPA ITALIA: OLTRE A LUCARELLI FUORI ANCHE CACIOLI E RICCI

Mancano poco più di ventiquattro ore alla gara di Coppa Italia tra Parma e Ribelle, ed Apolloni si trova a risolvere una grana non da poco. La difesa crociata, infatti, è in emergenza: oltre a Lucarelli, che salterà il match per la frattura al setto nasale (probabile che venga recuperato domenica contro la Correggese, grazie anche ad una maschera protettiva), non saranno del match nemmeno Cacioli e Ricci.

Il primo è stato squalificato per tre giornate due stagioni fa dopo i sedicesimi di finale tra la squadra in cui militava, l’ Ancona, e la Pro Piacenza: al 46′ del st, sullo 0-arzi-cacioli0, dopo un colpo ricevuto dal portiere della Pro Piacenza nasce un parapiglia in area di rigore (si può vedere al minuto 2:30 di questo video), con l’arbitro che estrae tre cartellini rossi: uno di questi fu proprio per Cacioli che protestava dalla panchina, dove si era seduto al 22′ della ripresa dopo aver lasciato il posto a Barilaro. Il Giudice Sportivo fu inflessibile: tre giornate di squalifica. Lo scorso anno il Rimini disputò solo due gare di Coppa, uscendo al primo turno dopo aver perso per 3-4 contro il Villabiagio, e dunque per il difensore crociato c’è ancora un turno da scontare.

Giacomo Ricci, invece, deve scontare un turno di squalifica che è scattato dopo l’ammonizione ricevuta (era diffidato) ricci-pontederanegli ottavi di finale di Coppa Italia Primavera tra Juventus e Livorno, quando vestiva la maglia degli amaranto. Sono dunque tre gli assenti di peso in difesa per Apolloni, senza contare Benassi, ai box per infortunio, ed Agrifogli che non dovrebbe ancora essere stato tesserato, ma vedremo se ci sarà qualche novità quando il tecnico crociato nel pomeriggio diramerà la lista dei convocati. Non è da escludere che il tecnico crociato decida di schierare un centrocampista nel pacchetto arretrato, come ad esempio Giorgino o Simonetti, insieme a Saporetti. Sulle fasce invece probabile la presenza sia di Messina che di Adorni, con l’opzione Mousa Balla, anche se quest’ultimo è un giocatore più offensivo che di contenimento.