PARMA, AUMENTA IL DISTACCO MA NON MOLLA NESSUNO – L’ALTOVICENTINO: “INTERVERREMO SUL MERCATO”

A fine primo tempo, domenica scorsa, sembrava che si fosse riaperto il campionato. Certo, l’AltoVicentino era sotto di due reti, ma la momentanea sconfitta del Parma avrebbe permesso al Forlì e al Delta Rovigo di riavvicinarsi, e all’AltoVicentino di trovarsi comunque a quattro punti di distanza con una partita da recuperare. Insomma, campionato riaperto, con la possibilità che ne uscisse un mucchio selvaggio con Forlì e Delta pronte a rientrare in scia. La prova di forza dei crociati, che nel secondo tempo hanno ribaltato la gara, ha però cambiato alta-classificale carte in tavola. AltoVicentino a -7 e Forlì a -9, entrambe con una gara da recuperare, ma non solo: il Delta Rovigo, in questo momento forse la squadra più in forma del campionato, è a -10, mentre il San Marino è a -11. I divari iniziano ad allargarsi, anche perchè nessuno riesce a mantenere la costanza del Parma: 11 vittorie e 3 pareggi sono un bottino che potrebbe lasciar pensare ad un distacco maggiore. Lo stesso Musetti, al termine della gara contro il San Marino, ha raccontato che nello spogliatoio crociato ogni tanto si dibatte sulla resistenza delle altre contendenti: “In settimana non dico che si avvertiva un po’ di malumore, ma quasi, perchè stiamo facendo un campionato spettacolare, ma le altre non mollano, quindi sembra quasi anomalo”.

Nonostante il distacco sia aumentato, però, nessuno (giustamente) ha intenzione di mollare. Il Presidente dell’AltoVicentino, Rino Dalle Rive, al termine della gara persa contro il Delta Rovigo ha annunciato che interverrà sul mercato per rafforzare la propria squadra. Lo riporta il Giornale di Vicenza, che ha anche raccontato come “il Delta Porto Tolle Rovigo calpesta fair play ed scopriamo-altovicentinoeducazione festeggiando negli spogliatoi con un potente coro di buon viaggio “a quel paese” riservato agli ospiti”. Insomma, nonostante i risultati nessuno ha intenzione di mollare, e proprio per questo l’avversario del Parma, oggi più che mai, è il Parma stesso. Dopo aver vinto la prima, le prossime due gare diventano ancor più fondamentali: l’Imolese dopo una serie lunghissima di vittorie consecutive arriva da due sconfitte, e poi ci sarà un Delta Rovigo in grande spolvero che con Pera, che ha trafitto l’AltoVicentino con due pallonetti (uno su rigore e uno su azione), avrà tutta l’intenzione di poter attribuirsi il merito di aver fatto il primo sgambetto stagionale alla capolista. Ovvero un Parma che è lì in alto, con 36 punti, e deve solo pensare a sè stesso.