IL PARMA 2014-15 – LA DIFESA

A mercato chiuso, è ormai definitiva la rosa che Donadoni ha in mano per la prossima stagione. C’è ancora la possibilità che arrivi qualche giocatore svincolato, ma in linea di massima si possono già iniziare a fare le prime considerazioni reparto per reparto.

Iniziamo dunque dalla difesa.

paletta-lucarelli-2IL MURO CENTRALE: Paletta e Lucarelli, acciacchi e età a parte, sono una sicurezza. Certo, difficile pensare che il Capitano possa ripetere una stagione come la scorsa, ma di sicuro con la sua esperienza potrà dare una mano fondamentale lì dietro. Per Paletta invece si susseguono i malanni fisici che non preoccupano eccessivamente ma che sembrano non curarsi definitivamente. Il suo apporto sarà comunque importantissimo, ed è difficile pensare che qualcuno possa rubare sia a lui che a Lucarelli il posto da titolare. Dietro di loro c’è Mendes, sul quale personalmente ho sempre scommesso, Costa e Felipe. Quest’ultimo da maggiore sicurezza al tecnico, almeno giudicando le scelte dello scorso anno, forse per la maggiore esperienza. Costa è ovviamente da valutare, ma per il momento non può essere considerato un possibile titolare. In ogni caso i tre garantiscono un discreto ricambio per ogni evenienza. Discorso a parte merita Santacroce, che difficilmente riuscirà a raccogliere una presenza fino a gennaio, mese in cui probabilmente verrà ceduto.

difesa2014-15LE FASCE: De Ceglie è una scommessa. Nella scorsa stagione per lui sono arrivate 4 presenze con la Juventus e 12 con il Genoa, ma senza incantare particolarmente. Per lui dev’essere la stagione del riscatto, ripetendo magari la strada fatta da altri giocatori che a Parma sono riusciti a trovare una nuova linfa. Gobbi dovrebbe partire in seconda fila, non tanto per la sua esperienza e duttilità (apprezzata da Donadoni) ma più che altro perchè sembra che stia perdendo (ed è normale) quella lucidità e quella corsa che aveva avuto negli anni scorsi. A destra il titolare inamovibile è Cassani, senza dubbio, ma va tenuto sott’occhio questo Ristovski che secondo me potrà togliersi parecchie soddisfazioni: in questo senso è importante anche la sua duttilità che gli permette di giocare anche a sinistra. Difficile invece che trovi spazio Rispoli, che non è riuscito a trovare una sistemazione.

IL VOTO – 7: E’ ovviamente un voto sulla carta, visto che il campionato è iniziato solo da una giornata. I bilanci verrano fatti ovviamente alla fine, ma la difesa del Parma sembra solida, esperta e discretamente tignosa. Altro aspetto importante è la presenza di diverse alternative, almeno una per ruolo, che permetterà a Donadoni di gestire al meglio le eventuali emergenze.