PALLADINO: “RESCISSIONE CONSENSUALE? TUTTO FALSO, NON ABBANDONO I MIEI COMPAGNI”

ata-insegnaIeri, durante la nostra diretta live dall’Ata Hotel Executive, abbiamo riportato una voce secondo la quale Raffaele Palladino avrebbe potuto rescindere consensualmente il proprio contratto, seguendo la linea già tracciata da Cassano e poi da Felipe. L’indiscrezione, raccolta nei corridoi della sede del calciomercato, non ha poi però trovato conferma, come abbiamo sottolineato già venti minuti dopo la pubblicazione del primo “allarme”. Il giocatore era a Milano, è stato nell’hotel in cui il Parma aveva la propria “base” per il mercato, ma evidentemente per altre faccende. Abbiamo poi aggiunto all’interno del nostro ultimo aggiornamento: “Ci teniamo a smentire definitivamente l’indiscrezione che noi stessi avevamo riportato, rivelatasi poi non vera, sulla possibile rescissione consensuale di Palladino. Anche Preiti ha detto chiaramente ai nostri microfoni (come avrete sentito) che non c’è questa possibilità.

Ci sembra comunque giusto riportare anche la voce dello stesso Palladino, che attraverso il profilo Twitter, ha cinguettato: “Chi ha scritto che sto per rescindere si sbaglia ed è tutto falso!!! Faccio parte di un grande gruppo e non lo abbandono! Forza Parma“.

palladino-bologna-nuovaEcco i passaggi relativi alla voce su Palladino, estrapolati dalla diretta live dell’ultimo giorno di calciomercato:

21:51 – Per il momento nessuna conferma sull’ipotesi rescissione consensuale per Palladino, che comunque verso le 19 ha lasciato l’albergo dove il Parma ha la sua “base”. Potrebbe trattarsi di una semplice voce senza nulla di concreto. Continuiamo a lavorarci su.

21:32 – Palladino era qui a Milano. Ci potrebbe essere la possibilità di una rescissione consensuale anche per lui. Per ora peró non ci sono conferme, ci stiamo lavorando.

23:53 – Ci teniamo a smentire definitivamente l’indiscrezione che noi stessi avevamo riportato, rivelatasi poi non vera, sulla possibile rescissione consensuale di Palladino. Anche Preiti ha detto chiaramente ai nostri microfoni (come avrete sentito) che non c’è questa possibilità.