Palladino: “Dobbiamo essere soddisfatti della prestazione”

NuovaimmaginecontesteevidenzaNella Mixed Zone del Marassi si è concesso alle domande dei giornalisti Raffaele Palladino, entrato in campo nel secondo tempo.

Ecco le sue parole:

“L’accoglienza? Tornare in questo stadio è sempre bello, l’atmosfera, anche da avversario è incredibile. I fischi? Come si suol dire, tanti nemici, molto onore. Il Mister mi ha chiesto di dare vivacità all’attacco in un momento delicato del match, perchè la Samp secondo me era messa bene in campo, una buona squadra, determinata, e serviva proprio dare una mano a tutta la squadra, ci sono riuscito e sono contento. Abbiamo avuto 20 minuti dopo il pareggio in cui potevamo fare gol, abbiamo avuto occasioni importantissime, abbiamo dimostrato un grande carattere perchè venire a Marassi e fare una partita di spessore non è mai facile, soprattutto dopo essere andati in svantaggio. C’è rammarico perchè abbiamo avuto un’occasione con Parolo clamorosa, però gli è rimbalzata un po’ male, anche se resta il rammarico per non aver portato a casa i 3 punti. Dobbiamo però essere soddisfatti per la prestazione, poi ci sta che si possa perdere o pareggiare, però la prestazione dev’essere sempre la priorità.”

Giochiamo meglio in trasferta? Beh, l’anno scorso era il contrario… A parte le battute, fuori casa stiamo facendo prestazioni importanti, ed è segno di maturità, anche perchè in trasferta non è mai facile. Dobbiamo migliorare in casa contro squadre che si difendono un po’ di più, e fatichiamo ad imporre il nostro gioco. Noi giochiamo molto a sensazione, ci troviamo tra di noi, svariamo molto, ma la predisposizione tattica è quella con Amauri avanti, ed io e Sansone ai lati. Troppo altruista? Ho cercato di fare assist per i miei compagni, soprattutto per Amauri che cerca il gol, abbiamo però fatto bene, siamo soddisfatti.”

Ad una nostra precisa domanda sulla sua rinascita in quest’anno solare, con gli infortuni ormai alle spalle (“Non mi parlare più di infortuni…” ha scherzato l’attaccante crociato), e sulle aspettative personali per il 2014 che è ormai alle porte, Palladino ha risposto così: Vorrei dare continuità alle prestazioni, alle mie giocate, ed ovviamente cercare di giocare un po’ di più, anche se sono soddisfatto. Sto molto bene fisicamente e mentalmente, e quando vengo chiamato in causa cerco sempre di dare il mio contributo.”