Le Pagelle di Gabrielo, Udinese-Parma 4-2

Le Pagelle di Gabrielo, Udinese-Parma 4-2.

udinese-evidenzaRagazzi, una premessa doverosa. Non sono un tecnico di Sky. Qui in redazione ci piace accontentare tutte le vostre richieste, anche le più bizzarre, ma in questo caso dovete mettervi l’anima in pace: era davvero il Parma quello e non un’esibizione di elettrauti che provano coreografie per un musical gitano. Per favore, smettetela con le richieste di riparare la parabola.

Mirante 5: Possiamo raccontarci la storia che Mirante è il meno colpevole di questo maggico inizio di campionato e non staremmo dicendo una bestialità. Certo che prendere un gol in rovesciata di stinco da Ertox (mi scoccia cercare su Google come si scrive) che rimbalza in rete agli 0.22 chilometri orari non è proprio sintomo di reattività. Ovviamente il gol di Artux sarà eletto come migliore rovesciata di tutti i tempi dai solerti giornali specializzati.

Pedro bellissimo Mendes OSPEDALE: Non capisco, ogni 10 minuti era per terra a lamentarsi con dolori tipo parto plurigemellare. Esce a fine primo tempo. Ritorno in campo? Minimo 2 anni e mezzo.

Filippo il bello 2.88: Ho visto un paio difensori di 11 anni più forti di lui appendere gli scarpini al chiodo per errori meno importanti e commessi su una pista da pattinaggio adibita a campo di pallone. Avevano capito che dovevano cambiare obiettivi. Uno è avvocato, l’altro ha inventato l’iPad. Incredibile.

Lucarelli 4: Cercare di superare in palleggio con veronica, suplex e piledriver un attaccante che poi segna in contropiede quando la partita la puoi ancora pareggiare è un errore da “crocifissione in sala mensa”. Alessandro è il primo a saperlo.

Gobbi 5.5: Disastri non ne commette e quando sul secondo gol si fa scappare l’uomo in fascia forse subisce fallo, forse no. Non lo scopriremo mai ma non importa, perché il vero dramma sono le praterie in area dove Di Natale e amici possono brucare felici come caprette.

Giuseppino Mauri 7.5: Migliore in campo per temperamento, voglia, tecnica individuale e pericolosità sotto porta. Al suo primo gol in Serie A la sua squadra perde e prende 4 pere di cui almeno 2 regalate. Fortunello.

Gigi Jorquera 5.5: Scolastico, ma almeno non perde palloni criminali come l’amico di happy hour Ciccio Lodi. Ha anche pressato gli avversari: praticamente un fenomeno.

Acquah 5: Alcuni recuperi andrebbero premiati con medaglie, monumenti e almeno una torta al cioccolato col suo nome prodotta dalla migliore pasticceria del mondo. Certo, c’è un piccolo problema da risolvere: il ragazzo ha la cognizione di un vigoroso leone imbarbarito e affamato alla sagra della spalla cotta. Roarrrrr.

Coda 5.5: Si muove bene e riesce a portare via l’uomo creando spazi. Gioca da attaccante, con movimenti da attaccante. Il problema è che tocca 5 palloni in 90 minuti.

Cassano 7: Artista, poeta, guascone. Pazzo, geniale, folletto.

Whellington Fabiano Santacroce 10: Tanti auguri per il bambino. Rispoli e Ricciozzi hanno contratto dei potenti e poderosi raffreddori?

Galloppa 100: Non so, almeno sembra sempre un giocatore di calcio.

Belfodil 3: Più che un giocatore, una tragedia a due zampe.

Gabrielo.