LE PAGELLE DI GABRIELO, JUVENTUS-PARMA 7-0

Francamente non ho la benché minima idea di come introdurre questa edizione delle pagelle. Anzi, se devo essere sincero con voi, non ho nemmeno voglia di scriverle. Però lo faccio lo stesso, per voi, carissimi lettori e fans sparsi per il mondo. Ovviamente prima ho chiamato il mio avvocato e l’ho messo al corrente delle querele che puntuali arriveranno. Le Pagelle di Gabrielo, Juventus-Parma 7-0.

Mirante 1: C’era una volta un portiere, il film capolavoro di Antonio Mirante. Con Antonio Mirante nel ruolo di Antonio Mirante. Prodotto da Antonio Mirante e con le musiche di Antonio Mirante. C’era una volta un portiere, nei migliori cinema di tutta Italia a partire da oggi. Imperdibile.

Lucarelli 10: Partita da ricordare per grinta e attenzione, nell’inespugnabile tempio del calcio bianconero. Un vero eroe crociato che esce con la maglia talmente logora che sembrava verde. Magico e magnifico.

Costa 2: La settimana scorsa la stecca a Icardi ha fatto il giro del web tra gli applausi dei tifosi della Sampdoria. Questa settimana, invece, girerà il video di Tevez che segna partendo da 600 chilometri dopo essere sfuggito a un difensore che non è stato in grado nemmeno di fargli fallo. Il suo nome è Costa, Andrea Costa. Utile.

Filippo il bello 2: Quando le partite non lo richiedono si incazza come un wrestler messicano a cui hanno rubato i fagioli piccanti, quando c’è da tirare fuori l’orgoglio e la cattiveria perché si è umiliati niente, si fa trafiggere come burro fuori dal frigo, per non fare le solite battute pornografiche.

Rispoli 2: Quando vi sporcate le mani di peperoncino, è inutile che vi laviate le mani con il sapone. Non serve a niente. Poi vi toccate le parti intime e vi bruciano fino a Natale. Per togliere la capsaicina dalla pelle usate dell’olio di oliva. Funziona, garantito.

Mauri 3.3: Firma un pregevole tiro in porta anche se Buffon, nonostante sia in pensione da anni, si ricorda come si respinge LATERALMENTE senza creare pericoli e ribattute. Tipo Mirante, uguale.

Lodi 2: HAHAHAAHAHAHAHAAHAHAHAAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH.

Acquah 8: Entrata assassina su Konan il barbaro nero o come si scrive che strappa genuini applausi ai tifosi della squadra verde!!!

De Ceglie 2: Dopo la doppietta contro l’Inter (ma come sono messi a prenderne due dal Parma?) sembra che abbia pensato bene di festeggiare tutta la settimana con dj-set afrodisiaci in giro per tutta la città. Infatti oggi si è presentato a Torino sottoforma di mummia, che sembrava avesse più mojito che sangue nelle vene. TUNZ!

Cassano SV: Ledere la dignità di un campione del genere costringendolo a giocare in una squadra indecente e indegna è un’offesa a Dio.

Ghezzal 2: Sul serio. Dai. La settimana scorsa si era reso utile correndo e aiutando tutti. Oggi è tornato il Ghezzal che tutti amiamo, un bizzarro personaggio con la cresta prestato al gioco del calcio dove, al massimo, potrebbe militare nella Parcheggio League, il campionato dietro casa mia.

Gobbi SV: Ma cosa devo dire? Sono imbarazzato.

Mariga SV: Micidiale impatto del cigno nero, tornato al calcio per la sesta volta in sei anni. Mah.

Belfodil SV: Quando è entrato questo qua, Cassano ha scosso la testa per 10 minuti buoni. Il buon Antonio non si capacita come questa tragedia a due gambe possa anche solo lontanamente riuscire a dormire la notte dopo un inizio di stagione da incubo. Vi ricordate Campioni con Ciccio Graziani? Ecco, erano TUTTI più forti di Belfodil. TUTTI, anche quelli che erano lì palesemente per le femmine e non per giocare a calcio.

Gabrielo