Le Pagelle di Gabrielo, Cesena-Parma 1-0

Bruttissimo debutto in campionato per il Parma, che cade a Cesena contro una rappresentativa di bagnini, piadinari e affittacamere. Più indigeste di un panino con tutto tutto tutto, le Pagelle di Gabrielo, Cesena-Parma 1-0.
Mirante 6: Prende un gol di testa da 26 centimetri da una sorta di bagnino di Barcellona prestato al pallone ma si segnala anche per una bellissima parata su Frank-Yo Brienza che lascia qualche speranza ai compagni per il pareggio.
Barbapapà Cassani 5: Pochissima spinta, bloccato sulla sinistra dove si è svolta la maggior parte delle pressione cesenate. Mattia, ripigliati.
Paletta 6: Il meno peggio del reparto difensivo, non che servissero 3 lauree per giocare contro elementi che nel 1998 avrebbero sì e no fatto i raccattapalle al dopolavoro ferroviario di Reggio Calabria.
Lucarelli 5.5: Se l’azione più pericolosa è merito di un centrale è sintomo che facevi prima a rimanere a casa a fare una grigliata di gamberi. Sul gol del bagnino di Barcellona colpevolmente in vacanza a Ibiza alle prese con l’aperitivo.
Gobbi 5: In difesa soffre relativamente poco, mentre nella parte offensiva è utile come me in un laboratorio che studia la fusione nucleare fredda. Certo deve dialogare alternativamente con Palladino e Belfoldi e senza maestra di sostegno capiamo sia un’impresa tutt’altro che semplice.
Gigi Jorquera 6: Schierato a sorpresa come interno di centrocampo sembra uno dei pochi personaggi sul campo -avversari compresi- che sappia cosa voglia dire giocare a calcio. Perlomeno cerca di giocare palla a terra e vuole la profondità dagli attaccanti. Esperimento da riprovare?
Ciccio Meraviglia Lodi 5.5: Parte malissimo, esordendo con una palla persa alla prima giocata con la maglia del Parma. Piano piano ingrana e dimostra di avere piedi educati e discreta visione. Si dice che sia le lento, in realtà prova anche alcune accelerazioni palla al piede niente male. Si dice batta bene angoli e punizioni, peccato che Jadid dopo 15 giorni a spaccarsi a Riccione avrebbe calciato meglio.
Acquah 6: L’unico ad aver capito che è iniziato il campionato e che serve mangiare l’erba ogni benedetto secondo in campo. Imparino da lui, tutti.
Biabiany 4.44: Leonardi sperava in una prestazione maiuscola per gonfiarne il prezzo. Risultato: ad oggi vale 66 euro di buoni pasto, una compilation di musica latino-americana taroccata e un panino tonno e maionese nemmeno troppo buono.
Palladino 4: Uno strazio. Lento, passivo, molle, inutile. Prova qualche scambio coi compagni ma sicuramente è più a suo agio a scambiare foto delle vacanze su Whatsapp. Rigorosamente selfie, in quello è undisputed world champion.
Belfodil 4.33: Macchinoso e irritante. Prova qualche dribbling con il magnifico risultato di non ottenere nemmeno una rimessa laterale. Di quel giocatore potenzialmente forte di due anni fa è rimasta solo la cipolla, il resto del panino lo hanno mangiato. Sì, è una battuta populista sul kebab. Chiedo venia.
Amauri SV: In forma smagliante. Forse abbiamo trovato chi ha mangiato il panino di cui sopra. Forse ben più di uno.
Coda 10: Gioca comunque meglio di Palladino e Belfodil.
Ricciozzi SV: Poveraccio.
Gabrielo.