Le Pagelle di Gabrielo, Bologna-Parma 1-1

Era un match alla portata dei crociati, ma un atteggiamento troppo molle e l’attacco spuntato hanno rivitalizzato un Bologna che, seppur tecnicamente modesto, ci ha messo tanta grinta. Più buone della grigliata con gli amici…Le Pagelle di Gabrielo, Bologna-Parma 1-1.

bolognaparmaevidenzaMirante 6.5: Salva il Parma su una insidiosa conclusione di Robb Acquafresca e, in genere, si dimostra sempre molto sicuro e attento. Anche oggi non si è fatto mancare l’ormai classico intervento coi piedi che ha causato 64 ricoveri in ospedale a Parma e provincia. In forma azzurra.

Barbapapà Cassani 6.5: Uno dei migliori in campo. Salva un gol ormai certo sulla linea e mantiene vive le speranze della squadra. Il suo proverbiale dribbling a rientrare è stato brevettato con successo e da oggi chiunque lo eseguisse deve pagare le royalties a Matty. Prandelli, dai.

Lucarelli 6: Con fisico e mestiere battaglia gli avanti bolognesi con buon successo. Certo, giocare contro il sosia mancato di Gesù e quegli altri di cui nemmeno ricordo il nome farebbe figurare bene anche Moris Carrozzieri.

Paletta 10: Riesce nell’impresa titanica di far segnare un gol incredibile a Peppino Cherubin, il cui ultimo gol risaliva a una partita in cortile nel 1995 in un appassionante match Nipoti VS Zii. Grandissimo Gabri.

Commendator Molinaro 5.5: Sulla sinistra si fa vedere poco ed è anche piuttosto impreciso. In settimana ha gestito un contenzioso condominiale che lo ha spossato moltissimo. Riprenditi Cummenda.

Gargano 5: Probabilmente non è ancora al top della forma dopo il rientro, ma oggi davvero impalpabile e assente. Ha un’occasione per calciare in porta e lo fa con la stessa precisione con cui io leggo l’aramaico antico il sabato sera con gli amici.

Marchionni 5: Donadoni un paio di volte si è messo le mani nei capelli ed ha esclamato con la sua solita calma: “Ma porca %&&$&£, che £$£$% fai Marco? Ieri sera dove sei stato? Alla discoteca a fumare le sigarette modificate?”. Siamo d’accordo con l’ottimo Roberto.

Acquah 6.5 ma anche 7: Migliore del Parma. Ha fame, ha voglia di spaccare il mondo e lo dimostra ogni partita che gioca. Tecnicamente sta migliorando a vista d’occhio, tatticamente è sempre più disciplinato. Una delle, se non LA rivelazione dell’anno.

Biabiany 6.5: Uno dei pochi a crederci davvero, ma soprattutto uno dei pochi a cercare di mettere insieme qualche idea decente in attacco. Suo il bellissimo cross che Palladino insacca per un pareggio che sembrava ormai proibitivo. Bravo.

Palladino 6.5: Mezzo punto in più per il bellissimo gol al volo. Ne avrebbe segnato anche un altro ma la supervista bionica del guardalinee sancisce un fuorigioco di 5 micron. Per il resto solita partita dove si abbassa molto per cercare il fraseggio coi compagni. Lo chiamano falso nueve, i cronisti alla moda.

Skel8 5: Proabilmente stava decidendo quale ristorante recensire prima: Da Marcone il pranzo è cafone o Miguel burritos e ruttos liberos. Di certo non ha pensato a giocare a pallone, oggi.

Gianni Munari 9: Sbroglia una situazione in area amica da vero Giannissimo. Il fascino che non muore mai.

Amauri 5.5: Si sbatte come al solito. Duetta con Palladino, ha una vera e propria autostrada verso la porta ma spara una melanzana fritta sopra la traversa con l’ignoranza di un contadino sovrappesso dopo una grappa aromatizzata al lardo.

Gabrielo.