Okaka si lamenta: “A Parma ero meno considerato dei ragazzini della Primavera…”

Considerato meno dei ragazzi della Primavera. Stefano Okaka non ci sta e ai microfoni di Studio Live, trasmissione di Samp Tv, racconta la sua gioia per questa nuova avventura con la Sampdoria, ma non risparmia qualche lamentela riferita alla sua avventura a Parma.

okakatweetEcco le sue parole, riportate anche da Radio Samp:

“Devo dire grazie a Mihajlovic, al direttore (Osti, n.d.r.) e al mio procuratore Cattoli. “Stai dentro con la testa”, ecco le parole del mister, che mi ha chiesto solo di essere concentrato a livello mentale, e così ho cercato di fare. A Parma consideravano di più i ragazzi della Primavera di me, e già dal primo giorno ero stato messo inspiegabilmente fuori dal gruppo. Cassano? Conoscevo Antonio già prima di Parma, sin dal primo momento ha combattuto per me affinché mi riammettessero in gruppo. Persone come lui sono rare in questo ambiente, ma esistono: gli devo dire un grazie grande così”.