Okaka: “A Parma non sono mai stato considerato. Perchè?”

Nel clima di felicità (ma anche di concentrazione per un traguardo che si va materializzando sempre di più in fondo alla retta finale) che si respira a Collecchio è difficile che qualcosa riesca a scalfire l’umore ed il lavoro dei crociati. Non l’ha fatto, ad esempio, la notizia data da Repubblica secondo la quale Cassano sarà convocato per i prossimi Mondiali. Sicuramente nemmeno le dichiarazioni di Okaka potranno disturbare la squadra che oggi riposa e da domani tornerà al lavoro al Centro Direzionale di Collecchio, per preparare al meglio la partita contro il Milan.

okakagdsOkaka, abbiamo detto: l’ex attaccante crociato, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, è tornato a parlare della sua parentesi in crociato. Ecco le sue parole:

Non sono Messi, non tutti nascono campioni. Per maturare servono tempo e partite. Cos’è accaduto a Parma? E’ un problema loro. Mi sono sempre comportato da professionista, eppure sin da luglio ci sono stati problemi. Non ho mai avuto considerazione, e non ne comprendo i motivi. Cassano? Un fratello maggiore, mi teneva su di morale, si è messo a mia disposizione cercando di aiutarmi. Posso solo dirli un grande grazie. In carriera, Antonio ha raccolto meno di quanto avrebbe meritato”.