NIENTE TRATTATIVA: SARA’ ASTA PER LE COPPE DEL PARMA, PREZZO BASE 50MILA € – ECCO COME FUNZIONERA’

coppe-parmaNiente trattativa privata, come molti (noi compresi) pensavano: per le coppe del Parma Fc si andrà all’asta. Lo si apprende dal portale dell’Istituto Vendite Giudiziarie, che ha pubblicato un annuncio: prezzo base 50mila € per le seguenti coppe:
Coppa Italia anno 1992 – Trofeo Coppa delle Coppe anno 1993 – Trofeo Supercoppa Europea anno 1994 – Trofeo Coppa Uefa 1995 – Trofeo Coppa Italia 1999 – Trofeo Coppa Uefa 1999 – Trofeo Supercoppa Italiana anno 1999 – Trofeo Coppa Italia anno 2002 – inoltre 298 trofei legati ai Settori Giovanili e vari campionati“.

La procedura sarà la seguente: bisognerà inoltrare entro il 12 ottobre alle ore 10 un’ offerta in busta chiusa contenente:
modulo-coppeModulo prestampato (quello della foto a corredo dell’articolo) unitamente a un importo pari al 30% del prezzo offerto (a titolo di caparra confirmatoria)
-copia fotostatica del documento d’identità in corso di validità e Codice Fiscale
-Visura Camerale se il soggetto che propone l’offerta è una Ditta.
Alla data fissata per la convocazione saranno aperte le buste alla presenza degli offerenti e in caso:
-di unica offerta valida, il bene sarà venduto all’unico offerente;
-di pluralità di offerte, si svolgerà una gara tra gli offerenti (con prezzo base corrispondente all’offerta più alta) il bene verrà aggiudicato al miglior offerente.

I 50mila euro della base d’asta rappresentano l’unica manifestazione d’interesse giunta sul tavolo dei curatori (accompagnata da una fideiussione del valore del 10% del totale) entro la scadenza dell’11 settembre: quell’unica busta è di Parma Calcio 1913, che come cifra ha scelto il valore dato alle coppe della perizia del Tribunale. Una busta, dunque, ci sarà sicuramente, ed è scontato che sia quella della nuova società crociata. La gara al rialzo, quella che si verificherà nel caso che ci siano più offerte, dovrebbe iniziare sempre il 12 ottobre alle ore 12. Sembra inevitabile pensare che le coppe torneranno a casa. Rimane da capire se ci saranno altre offerte, e se il prezzo salirà, ma dalla società crociata, anche se le bocce sono cucite, arriva la netta sensazione che ciò non sarà un problema.