NE’ AVVOLTOI NE’ PECORE: ASPETTIAMO CON FIDUCIA

vedocommercialistiovunqueA Torino sono in molti che dopo essersi svegliati un bel mattino di maggio, e dopo il caffè mattutino, si sono resi conto di avere un cugino avvocato, un genero commercialista, un ex compagno delle elementari ora fiscalista. Anche a Parma, nel bel mezzo del panico che serpeggia tra i tifosi, ogni 10 minuti circola una voce contrastante. Noi, dalle pagine di ParmaFanzine.it, abbiamo provato a fare chiarezza dando la nostra interpretazione, e cercando di scremare le decine di pareri “autorevoli. Le virgolette sono d’obbligo, ma non tanto per la professionalità delle persone chiamate in causa, più che altro per il fatto che interpretare una situazione in cui le carte sono in mano al Parma e alla Figc (e da qualche giorno anche del Coni), è oggettivamente impossibile.

Nè avvoltoi, nè pecore. Nè gufi, nè creduloni. Da Torino arriva pure il parere del Sindaco Fassino, che non più di qualche settimana fa mostrava il dito medio ai tifosi granata, per poi cogliere al balzo l’opportunità elettorale (avrà pensato che gli costa meno che costruire una rotonda), e dichiarare che “spero che il Torino vada in Europa League al posto del Parma”. Nella città ducale, intanto, tutto tace. La società sta preparando con un pool di avvocati la difesa per il 28 maggio, ed il Sindaco, evidentemente, ha di meglio da fare. Proprio qui sta la differenza: da una parte si spinge in tutti i modi per pressare, attraverso l’opinione pubblica, una scelta politica a favore del Torino. Dalla parte opposta c’è sicuramente tensione, ma si è concentrati sul 28 maggio. Perchè è proprio lì, all’Alta Corte del Coni, che si gioca la partita vera.

staglianoNè avvoltoi, nè pecore. Abbiamo riportato il parere di Stagliano (ex vice-capo dell’Ufficio Indagini della Figc) perchè, visto il curriculum, pensavamo fosse credibile. Stagliano, guarda caso tra le pagine di un sito granata, ha affermato che “il Torino deve attendere il giudizio dell’Alta Corte perché l’intervento di terzi interessati nell’ordinamento è consentito solo nei casi d’illecito sportivo, ma questo non è un caso d’illecito sportivo”. Ovviamente è accaduto l’esatto contrario. Questa mattina abbiamo riportato il parere del sito iltifosobilanciato.it, che in passato aveva ospitato analisi davvero dettagliate e, a nostro modo di vedere, affidabile. C’è però un filo che unisce tutti questi pareri: nessuno ha le carte, nessuno può davvero dire qualcosa a riguardo ed essere credibile al 100%. Siamo quindi stufi di alimentare false speranze o false delusioni.

Nè avvoltoi, nè pecore. Non daremo più spazio ai pareri di nessuno, a meno che non siano opinioni di qualcuno delle componenti in gioco in questo momento: il Parma, la Figc, il Coni o il Torino. Non vogliamo nemmeno però che gli avvoltoi vengano seguiti dalle pecore, che in massa rincorrono pareri che si contrastano tra di loro. Non siamo avvoltoi, nè pecore. Abbiamo fiducia, e con quella stessa fiducia attendiamo il 28 maggio.

L’Editorialista