Munari: “Se servisse giocherei anche in porta. Con il Genoa è quasi un derby”

Chi l’avrebbe detto? Zitto zitto, il buon Gianni si sta ritagliando il suo spazio, in seguito alla sua scelta di restare a Parma nonostante avesse giocato poco nella prima parte della stagione. Dopo il suo ingresso in campo contro il Milan, ora Munari si prepara ad essere impiegato, con ogni probabilità, contro il Genoa, viste le numerose assenze a centrocampo.

munari1Ecco le sue parole, in vista anche del prossimo match, rilasciate ai microfoni di Parma Channel:

Dobbiamo remare tutti dalla stessa parte per forza, siamo ad un passo da un obiettivo importante che ci siamo prefissati, e siamo chiaramente aiutati dall’entusiasmo che c’è nell’ambiente e nello spogliatoio, anche per quelli che stanno fuori entrare devono essere motivo di grande orgoglio, anche se sono 5/10 minuti come può capitare a me o a qualsiasi mio compagno, bisogna cercare di dare il proprio contributo nel migliore dei modi”.

La scelta di restare a Parma? Son voluto rimanere qui a tutti i costi perchè credo in questo progetto, sono venuto via da una piazza importante per arrivare a Parma e cercare di giocarmi le mie carte. All’inizio è stata dura, ma io ci ho sempre creduto, poi piano piano, cercando di seminare in un certo modo, qualche piccolo spazio lo ottieni. Lì devi essere bravo tu ad essere pronto quando vieni chiamato in causa”.

Per me con il Genoa è una partita particolare, a Genova ho lasciato un pezzo di cuore ed incontrare il Grifone mi spinge a cercare di dare una soddisfazione ai cugini della Samp, che sono anche gemellati con il Parma, quindi speriamo che sia una grande festa per tutti e due. Il mio feeling con i tifosi? Cerco sempre di avere un buon rapporto con tutti i tifosi, perchè mi metto dalla loro parte, e loro apprezzano non solo le grandi giocate, ma anche la scivolata importante come diceva un mio ex allenatore. Io cerco di dare il massimo, di uscire con la maglia sudata, e anche in quei piccoli spazi che ho avuto ho cercato sempre di dare il 100%. Sono ovviamente contento del feeling che c’è, anche se sui Social Network io ci bazzico poco…

munari2La partita contro il Milan? Noi siamo consapevoli della nostra forza, e anche le altre squadre ci temono, perchè anche una squadra come il Milan si è chiusa dietro. Questo ci rende consapevoli di tutto quello che di buono stiamo facendo, e dobbiamo continuare su questa strada. Se mi piacerebbe giocare in Europa con il Parma? E’ chiaro, sarebbe davvero un sogno perchè in pochi si aspettavano un’annata del genere, anche se amalgamando un gruppo importante fatto da giocatori di qualità si può sperare”.

Il ruolo di “playmaker basso”? L’ho fatto in passato, anche se era in un centrocampo a due. Io però ti dico che in questo momento giocherei anche in porta, farei anche il giardiniere se dovesse servire. Dovremo essere bravi a colmare le assenze importanti, però penso che da parte di tutti noi arriverà un contributo importante. Cosa cambia quando si gioca alle 12:30? Siamo abituati, è una cosa che dura tre giorni. Sicuramente faremo dei pasti prima dell’allenamento, verso le 10:30, ma sono cose che durano solo qualche giorno”.

(Le foto di Gianni Munari sono tratte dal video di Parma Channel)