MOUSA BALLA TRASCINA GLI JUNIORES DI BARONE, BENE ANCHE AGRIFOGLI

Come anticipato da Apolloni in conferenza, e poi “ratificato” dalla lista dei convocati stilata dal tecnico crociato, oggi cinque componenti della rosa della prima squadra sono scesi in campo con gli Juniores di Barone per poter giocare, mettere minuti nelle gambe e migliorare la propria condizione fisica. In attesa della gara di domani contro il Lentigione siamo allora andati a Collecchio a dare un’occhiata alla prestazione di Ciotti, Agrifogli, Simonetti, Traykov e Mousa Balla in Parma-Fiorenzuola, terminata con il punteggio di 3-0 (Mousa Balla x2, Fanti)

mousa-balla-junioresCIOTTI – Poco impegnato anche grazie all’ottima prestazione dei crociati, che in difesa non hanno rischiato quasi nulla. Nel primo tempo però con un intervento su un tiro ravvicinato salva il risultato. E proprio allo scadere devia in angolo un insidioso colpo di testa.

AGRIFOGLI – Senza strafare dà la sensazione di essere di un’altra categoria rispetto agli altri giocatori in campo. Con autorevolezza, sicurezza e tranquillità non sbaglia un pallone sia in fase di copertura sia in quella offensiva.

SIMONETTI – A centrocampo è sicuramente quello che prova maggiormente a smistare palloni e a far girare il 4-2-3-1 di Barone. Non sempre è supportato dai compagni e perde un paio di palloni di troppo, ma la sua prestazione è di sicuro positiva.

junioresTRAYKOV – Luci ed ombre per il bulgaro, che quando mette giù il pallone e compie il primo dribbling dimostra di avere una tecnica molto affinata, ma tende a strafare e tarda spesso ad alzare la testa per servire i compagni. Le sensazioni sono positive, la prestazione è stata positiva, ma a volte servirebbe giocare con più facilità.

MOUSA BALLA – Che dire: due reti e tanti applausi da parte del pubblico sugli spalti di Collecchio. Nel primo tempo non si fa vedere molto, ed il gol altro non è che un regalo che gli finisce sui piedi sugli sviluppi di un corner. Il secondo tempo però è uno show personale fatto di sgambate, dribbling, assist ed azioni personali, che portano al suo secondo gol personale e che confermano la sensazione provata in Coppa Italia: questo giocatore ha una capacità incredibile di conquistare il pubblico sugli spalti. Anche oggi, a Collecchio, gli applausi erano tutti per lui.