morrone-conferenza1

MORRONE: “NON POSSIAMO AVERE PAUSE: DOBBIAMO LOTTARE PER TUTTI I 90′” – SQUADRA IN RITIRO A COLLECCHIO

Questa mattina i crociati hanno svolto la loro rifinitura prima della sfida di domani contro il Bassano. Al termine della stessa, Stefano Morrone ha svolto la consueta conferenza stampa della vigilia, annunciando anche una novità: “Stasera rimaniamo a Collecchio in ritiro: non era mai stato fatto prima, ma è stata una mia scelta”.

Ecco le parole del tecnico crociato:

Penso solo al Bassano ed al lavoro quotidiano che porta alla gara. La squadra sta lavorando duro, e tanto, in questi giorni, sono felice della risposta dei ragazzi. Vogliamo una partita di grande impatto, carattere, qualità tecnica e tattica. È una partita in cui vogliamo dare risposte, vogliamo vincere e fare le cose fatte bene. Vogliamo fare dei punti, è uno scontro diretto, affrontiamo una squadra forte, di categoria, è un momento particolare ma in questo momento mi sento come allenatore e come Stefano Morrone di chiedere un appoggio particolare dei tifosi. C’è sempre stato, ma è un momento un po’ così ed un coro in più aiuta. Dobbiamo vivere la partita sempre, non avere quelle pause che abbiamo avuto ad Ancona. La squadra deve crescere sotto quest’aspetto, ci sono i momenti difficili in una gara ma la morrone12squadra deve saper vivere ogni momento. L’impatto alla partita, essere presenti, vivere la gara è fondamentale, e farlo sempre. Il modulo? Abbiamo lavorato sulla stessa lunghezza d’onda della scorsa settimana, con qualche variante. In campo andranno in undici, può essere un 4-3-3 o un 4-5-1, i moduli al giorno d’oggi non contano e possono cambiare all’interno di una gara a seconda delle situazioni. Io ho avuto risposte da tutti, c’è un coinvolgimento generale in ogni allenamento. Poi è ovvio, li alleno da sette giorni, e per creare del gioco ci vuole del tempo. I giovani in difficoltà? Se si vuole fare questo mestiere bisogna affrontare anche questo tipo di situazioni. Se si vuole diventare giocatori importanti bisogna uscirne, come squadra ma anche come singolo. Mi aspetto che domani tirino fuori tutti qualcosina in più. Non dico che non corriamo, a mio avviso però questo è un campionato in cui prima devi correre e poi giocare. Questo è quello che dobbiamo fare anche noi, rispondendo colpo su colpo. Più siamo preparati a questo tipo di partita, a durare di più, e meglio è. Il Bassano è una squadra forte, sta facendo un buon campionato, ha giocatori importanti e di categoria, da anni fa bene, è una squadra quadrata che affronteremo con il giusto impegno e rispetto. Però più del Bassano mi attendo di vedere il Parma. Mi sono trovato catapultato in questo mondo così dal nulla, senza aspettarmelo. Ho messo tutto me stesso, ma è bellissimo vedere il coinvolgimento di tutti, e questa cosa è fondamentale. Quello che conta non è domani, ma è l’oggi ovvero il Bassano. Il mio percorso lo posso valutare, non quello di prima perchè non è morrone8giusto. In questi sette giorni non è stato tutto da buttare, la squadra si è vista, alcune idee sono state sviluppate, questo va fatto per 90′. Questo campionato non permette pause, paradossalmente è più facile farlo in Serie A. Qui bisogna stare sul pezzo sempre. Credo che sia impossibile che la squadra non ce la faccia a livello atletico, la squadra è preparata. Poi bisogna saper correre bene, nei momenti giusti. Sono convinto, avendolo fatto un anno e mezzo fa, che non sono concesse pause. Nessuno si ferma, perchè questo campionato è una battaglia. Mazzocchi? Sta bene, stanno tutti bene e sono tutti coinvolti e partecipi, e tutti sanno che possono giocare. Coly non è recuperato. Canini? Io in allenamento lo vedo bene, spinge, sa che deve recuperare terreno, ma lo vedo pronto a dare il suo contributo. Ma questo dev’essere il concetto di tutti. Stasera rimaniamo a Collecchio in ritiro: non era mai stato fatto prima, ma è stata una mia scelta”.