MORRONE: “LA LEGA PRO INSEGNA CHE PRIMA CORRI E POI GIOCHI. A QUESTA SQUADRA SERVE UN’ALTRA INTENSITA'” – VIDEO

Ha guidato il Parma al suo esordio in panchina tra i “pro”, in questa situazione difficile dopo il ribaltone di martedì scorso. L’entusiasmo e la voglia portata da Stefano Morrone però non è bastata a guarire un Parma ancora troppo schiavo dei propri limiti.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del tecnico:

Mi sarebbe piaciuto fare risultato, sicuramente, attraverso una prestazione diversa, più importante, più da squadra che si chiama Parma Calcio. Tutti, io in primis, ci aspettiamo tanto da una squadra del genere, ma il passato non vince, il nome nemmeno, vince chi mette la palla in porta. Oggi abbiamo fatto poco per quello che morrone12dovevamo fare. La mia diagnosi di questo Parma? C’è solo una strada, lavorare duro, ma duro davvero. Un altro ritmo, un’altra intensità, un’altra strada tramite un’altra mentalità. La Lega Pro insegna che prima corri e poi giochi. Bisogna correre forte, ma ai miei ragazzi un plauso va dato per l’impegno perchè nessuno si è tirato indietro. Hanno dato tutto ma quello che si dà però è poco secondo quello che richiede il campionato. Volevo dare pressione, imporre la nostra mentalità. In alcuni frangenti siamo stati anche bravi a rubare qualche pallone alto, però non basta. Se andiamo ad esaminare gli episodi abbiamo dormito sulla respinta di Zommers, ma i particolari fanno la differenza, nel primo tempo hanno anche preso una traversa e nel secondo tempo ricordo un contropiede, come quello del 2-1, e non è da squadra che vuole vincere il campionato. Bisogna lavorare su tanti aspetti, è una squadra in difficoltà, ora da giocatori maturi bisogna prendersi le proprie responsabilità. È un gruppo che ha dei valori importanti, e lo saprà fare”.