Mirante: “Sappiamo che il derby è una partita importante”

Quest’oggi Antonio Mirante ha visitato l’Istituto Melloni di Parma, nell’ambito dell’iniziativa “Non fare autogol”, promossa dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica. Il portierone crociato ha parlato con i studenti presenti per sensibilizzare tutti riguardo i problemi e i fattori di rischio oncologico.

A margine dell’incontro c’è stato anche tempo di parlare di questo Parma che continua la sua corsa verso il sogno europeo, del derby di domenica, e delle prestazioni di Mirante che è diventato il terzo portiere della storia del Parma per quanto riguarda i record di imbattibilità.

mirante1Ecco le sue parole:

E’ un derby, conosciamo l’importanza di questo match, vogliamo continuare su questa strada, perchè sappiamo che stiamo facendo bene, non dobbiamo accontentarci e continuare a sognare, perchè abbiamo le carte in regola per arrivare più in alto possibile. Il pareggio con i viola? C’è un po’ di rammarico perchè avevamo “fatto l’acquolina”, come si suol dire. Siamo un po’ rammaricati, ma questo fa parte del calcio, e la Fiorentina ha fatto una buona gara. L’Europa? Ragioniamo di partita in partita, sicuramente stiamo bene, stiamo attraversando un buon periodo, e non solo con gli undici che giocano, ma anche chi gioca meno da il suo contributo, e questo dimostra che c’è un gruppo che ha voglia di lavorare. La Nazionale? Io più che crederci ci spero. So però che deve avvenire tutto attraverso le mie prestazioni e quelle del Parma. Come ho già detto se il Parma farà bene avrà tanti giocatori da proporre a Prandelli. Sta a noi dimostrarlo.”

Che ci sia tanta attesa per il derby con il Sassuolo è una cosa bella, ed è stato belloha detto ai microfoni di Parma Channelvedere così tanta gente anche lunedì allo stadio. Sappiamo che la gente ci sta dando una grossa mano, e vogliamo dargli tante soddisfazioni. Sappiamo che il derby è una partita importante e noi vogliamo continuare la nostra corsa. Gli ex compagni ora al Sassuolo? Non ho sentito ancora nessuno, li rivedrò con vero piacere perchè sono dei ragazzi che hanno dato tanto, e a cui resto tanto legato. Li abbraccerò sicuramente, nutro un grande affetto per loro, però spero di batterli. Loro sono in difficoltà? Sappiamo che loro si giocano una partita importantissima, non vengono da un buon momento e queste sono le partite più difficili, si sa. Vogliamo pensare a noi stessi, vogliamo dare continuità di prestazione, e vogliamo dare una soddisfazione ai nostri tifosi, per noi è un appuntamento importante.”

dribblingmiranteIl mio dribbling? Ho avuto questo retro passaggio, l’ho stoppata lateralmente, Matri è arrivato a mille e a quel punto non potevo più calciare. rischiavo di farmela rimpallare ma ho optato per il dribbling. Credo che era la soluzione migliore in quel momento. Io il terzo portiere della storia del Parma nella classifica di imbattibilità? Non sono uno che ama le statistiche, però è un bel traguardo, perchè comunque credo che anche lunedì la difesa si sia comportata egregiamente. Questo è quello che mi fa piacere perchè ci sono dei ragazzi con i quali gioco da tanto, c’è il giusto amalgama, e anche Molinaro, che in un certo senso è l’ultimo ad essersi incorporato, è entrato bene nei nostri schemi, e questo mi lascia ben sperare.”

Questa la mia miglior stagione? Risponderò a giugno, non perchè non sia convinto delle mie possibilità, ma sono un ragazzo ambizioso, e attraverso il lavoro quotidiano penso e spero di fare ancora meglio, dico questo per me e per tutta la squadra. Proprio nella quotidianità c’è il segreto del Parma, nel lavoro di tutti i giorni. Chi temo di più per la corsa in Europa? C’è il Milan, la Lazio, ci sono tante squadre. Voglio ragionare di partita in partita, e non perchè mi senta inferiore, ma perchè credo che sia la giusta mentalità per arrivare più in alto possibile.”

(Le foto sono tratte dal video di Parma Channel)