MIGLIETTA: “HO SCELTO PARMA PERCHÈ VOGLIO DARE IL MIO CONTRIBUTO PER LA RINASCITA” – VIDEO

Ieri ha sostenuto il suo primo allenamento con i nuovi compagni: Miglietta arriva a Parma dopo una carriera che lo ha visto protagonista per diverse stagioni sia in B che in Lega Pro. Oggi ha parlato per la prima volta con la stampa.

Ecco il video e la trascrizione integrale delle parole di Crocefisso Miglietta:

Le mie prime impressioni? Buone, positive, sono arrivato ieri pomeriggio, stamattina ho fatto il mio secondo allenamento, per il momento sono più che positive. Ora è presto, ma mi sembra una squadra affiatata, i ragazzi mi sembrano tutti bravi. Che consigli posso dare all’ambiente? Per vincere i campionati bisogna remare tutti dalla stessa parte, giocatori, tifosi, stampa, società. Poi ci vuole spirito di sacrificio ed umiltà, queste cose ti portano poi a vincere. Io sono un giocatore a cui piace correre e che non disdegna la possibilità di giocare il pallone, certo poi ognuno di noi cerca di dare il massimo e quello è l’importante. Il Parma ha un centrocampo
migliettamolto esperto? Sicuramente siamo ben messi in mezzo al campo ma credo in tutti i reparti, da quello che ho potuto vedere, e tanti li conosco.
Per vincere bisogna avere tanti giocatori bravi. Più che ne sono e meglio è, poi il Mister farà le sue scelte, l’importante in campo è dare il meglio. Chi metterei in panchina tra me, Giorgino e Corapi? Io gioco sicuro –
scherza – poi gli altri non so… Cosa mi hanno raccontato i compagni dell’entusiasmo dei tifosi? Non c’era bisogno di chiedere perchè vedevo attraverso la stampa e i social, c’è un entusiasmo incredibile e lo dimostra il risultato della campagna abbonamenti. Poi conoscevo Giorgino, ho chiesto un po’ e mi ha parlato solo che bene. È una società nuova ed ambiziosa. Da quanto ero in contatto con Galassi e Minotti? La trattativa era da un po’ che c’era, ci siamo parlati un po’ di tempo fa. Io dovevo risolvere il contratto col Novara, la questione era quella. Perchè ho scelto Parma? Sostanzialmente perchè ho visto una società che vuole ripartire, ha entusiasmo, ed io ho preferito scegliere Parma per questo motivo. Nel mio piccolo vorrei contribuire alla rinascita di una squadra così importante. Ho accettato di venire qui per questo motivo, per dare il mio contributo. Se questo per me è un nuovo inizio? Se riuscirò ad avere la fiducia della società, certo, ma innanzitutto c’è la Serie D da vincere, poi è naturale che dipende da me. Per me sarebbe motivo d’orgoglio contribuire a riportare il Parma in alto. Un giudizio sul girone? Credo che sia impegnativo, non conosco bene le squadre, ma mi dicono che sia l’Altovicentino che il Delta Rovigo siano squadre attrezzate per vincere, e poi conosco il San Marino ed il Forlì che hanno delle buone squadre, e l’Imolese. Credo che saranno quelle le squadre con cui ci giocheremo il campionato”.