MESSINA: “VORREI RIMANERE QUI IL PIÙ POSSIBILE, MA È ANCORA PRESTO PER PARLARNE” – VIDEO

Michele Messina, domenica scorsa contro il San Marino, secondo molti media è stato il migliore in campo al Tardini. È lui il protagonista dell’appuntamento stampa odierno, nel quale ha parlato del presente ma anche del suo futuro, legato anche all’Atalanta, proprietaria del suo cartellino.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del terzino crociato:

Penso che domenica non solo io, ma anche la squadra abbia fatto bene, grazie a loro magari sono stato nominato il migliore in campo, ma tutti ci siamo impegnati al massimo e meritavamo qualcosa di più. L’occasione da gol? Non era facile, il pallone l’ho indirizzato all’angolino, forse non era facilissimo però il portiere è stato bravo, e non solo in quell’occasione. Il rigore procurato? C’è un’immagine nel primo tempo in cui vengo trattenuto per la maglia, poi nel secondo tempo altre due volte la stessa cosa, ed alla terza, sotto gli occhi dell’arbitro, era inevitabile fischiare. Sulla rovesciata di Benassi poi mi sono trovato proprio tra lui e la porta, ed in una frazione di secondo non sono riuscito a spostarmi, anche se penso messina-gol-ravennache il portiere era dietro di me e sarebbe riuscito a pararla. L’anno prossimo? Spero di rimanere qui, ma è ancora presto, tutto si dovrà decidere. Aspettiamo la fine del campionato e poi vedremo. Non so nulla, non ho ancora parlato dell’anno prossimo. Questa sarà una decisione che dovremo prendere più avanti, ora non ti so dire. La mia volontà è quella di rimanere qui, poi che il Parma riscatti il cartellino o confermi il prestito non lo so. Voglio rimanere qui il più possibile ma per ora non so nulla. Se il Mister avesse chiesto a me di giocare come interno destro? Mi adatto alle richieste del Mister, sarei felice anche di svolgere un altro ruolo. Mi sento di poter giocare anche in altre posizioni, non è un problema ed anzi potrebbe essere un valore aggiunto per me. La sfida contro l’Imolese? Tutte le squadre che incontrano il Parma ci mettono il cuore e lottano fino all’ultimo respiro, ci aspettiamo tutti sicuramente una partita dura, impegnativa, nella quale dovremo dare il massimo. Se il fatto che il traguardo sia vicino aumenta le difficoltà? Secondo me no, siamo sempre sereni, giochiamo le nostre partite consapevoli delle nostre potenzialità, poi ogni partita è a sè, ma noi prendiamo tutte le partite allo stesso modo, con lo stesso atteggiamento ed impegnandoci il più possibile”.