legnago-melandri

MELANDRI: “ORA L’IMPORTANTE È VINCERE, IL COME NON IMPORTA. SPERIAMO DI FESTEGGIARE IN CASA”

Nessun giorno di riposo per i crociati che sono scesi in campo a Collecchio già oggi per una seduta mattutina d’allenamento, al termine della quale ha parlato Daniele Melandri, che ha fatto il punto della situazione dopo la vittoria sul Legnago.

Ecco le sue parole:

È stata una vittoria importante, difficile perchè nel primo tempo abbiamo faticato, loro hanno corso tanto, poi nel secondo tempo sono calati, si è visto, noi siamo venuti fuori, l’abbiamo sbloccata con Longobardi e poi chiusa con Mazzocchi. È una vittoria importantissima per il campionato. Il ritorno al “vecchio” modulo? È un modulo che abbiamo usato per tutto il campionato, ci siamo riadattati bene. Il prossimo anno? Io spero di essere tra quelli riconfermati, l’ho detto altre volte: il mio obbiettivo è quello di vincere il campionato qui a melandri-forliParma, e spero di rimanere e fare la scalata con questa maglia. Io mi considero una seconda punta, credo di poter giocare anche nel 4-3-1-2. Davanti siamo tanti, il Mister farà le sue scelte, ma non mi sento penalizzato nel caso si giochi con il rombo. Posso fare anche il trequartista, magari con caratteristiche diverse. Quanti gol voglio fare? Lo dirò alla fine, spero di arrivarci… Sono il giocatore che entra meglio a partita in corso? Provo sempre ad entrare con la testa giusta. Non è facile, le ultime volte sono stato anche fortunato, non tutti riescono, magari per le mie caratteristiche sono più avvantaggiato. Spero di festeggiare in casa la promozione, con 10mila tifosi sarebbe ancora più bello. Ammetto di non aver pensato ancora alla festa, mi concentro partita per partita, ma preferirei festeggiare in casa. Dove abbiamo faticato ieri a Legnago? Loro hanno avuto un atteggiamento che non ci aspettavamo, sono partiti forte, hanno corso tanto, dietro non ci concedevano spazi e nel primo tempo ci venivano a pressare ovunque. Siamo stati forse un po’ lenti nella manovra, quindi abbiamo sofferto un po’ di più. Nel secondo tempo loro sono calati, hanno cambiato un po’ atteggiamento e siamo stati avvantaggiati. Dopo aver sbloccato la gara è stato più semplice. Meglio vincere o vincere giocando bene? Vincere giocando bene credo che sia il sogno di chiunque. In questo momento credo però che l’importante sia vincere: il come non importa”.