MELANDRI: “VITTORIA IMPORTANTE. IL FUTURO? VOGLIO RIMANERE E FARE LA SCALATA CON IL PARMA” – VIDEO

Anche oggi è partito dalla panchina, ma la sua zampata la mette sempre. Micio Melandri ha raggiunto con il gol di oggi la doppia cifra, e continua a rivelarsi decisivo per un Parma che oggi ha giocato bene ed ha trovato i tre punti contro la Virtus Castelfranco.

Ecco il video e la trascrizione delle sue parole:

Sono contento innanzitutto per la vittoria, poi anche per il gol perchè per un attaccante fa sempre bene segnare, dà sempre morale. Non è facile entrare dalla panchina e farlo subito bene, sono due gare che ci riesco e sono contento. Il rombo a centrocampo fa aumentare la concorrenza nel mio ruolo? Siamo in tanti che possono giocare in quella posizione, si alzerà il livello di intensità degli allenamenti, spero sempre di partire dall’inizio, se sono in panchina spero di entrare e fare come ho fatto in queste due gare. Cos’è successo con Guazzo? virtus-evidenzaSinceramente non so cos’è successo, ho solo sentito i fischi verso di lui quand’è entrato, mi dispiace. Nello spogliatoio penso che si siano chiariti. Non so però cosa sia successo. Sapevamo che queste quattro gare prima della sosta erano fondamentali, le due in casa non le abbiamo sbagliate, ora ne abbiamo due fuori e dobbiamo cercare di fare altrettanti punti sperando di allungare ancora. Non è facile partire dalla panchina? Lo sto vivendo bene, cerco sempre di allenarmi bene per essere schierato dall’inizio o per entrare al meglio. Non è facile entrare in partita dalla panchina, dipende sempre dalle situazioni, sono entrato bene sia oggi che domenica scorsa, sono contento e devo continuare così. Il prossimo anno? Io non so nulla, davvero. Voglio vincere il campionato con il Parma e spero di rimanere il più a lungo possibile. Questa società ha un sogno, non merita di giocare in queste categorie e mi piacerebbe fare la scalata con il Parma, però non so davvero nulla. Se mi verrà chiesto qualcosa appena avrò la matematica non avrò problemi ad accettare. Oggi volevamo dare un segnale forte, partendo al massimo dai primi minuti. Dovevamo intimorirli dall’inizio, ci siamo riusciti, l’abbiamo sbloccata nei primi minuti ed è stato un vantaggio per noi, le gare che fatichiamo a sbloccare ci fanno innervosire ed è più difficile. Siamo stati bravi noi con l’atteggiamento giusto. Il mio obbiettivo personale per quanto riguarda i gol? Ce l’ho un obbiettivo, sono un po’ lontano ma spero di arrivarci, voglio dirla alla fine la cifra”.