LUCARELLI: “PER IL NONO ANNO VESTIRO’ QUESTA MAGLIA: SAREMO ANCORA LA SQUADRA DA BATTERE” – VIDEO

Ha rinnovato il proprio contratto, e continuerà a giocare un altro anno con la fascia da Capitano al braccio. A guidare il Parma, per un’altra stagione, ci sarà ancora Alessandro Lucarelli, che oggi ha parlato con la stampa di questo prolungamento fino al 30 giugno 2017.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del Capitano crociato:

“È arrivata anche l’ufficialità, avevo già detto che avrei continuato. Sono molto contento di avere la possibilità di giocare ancora un anno perchè inizialmente avevo detto che sarebbe stato l’ultimo invece l’appetito vien mangiando, e dopo la bella stagione che è stata, l’entusiasmo che si è ricreato, il fatto che stia bene ancora fisicamente mi ha portato a fare questa scelta, quindi sono orgoglioso di far parte ancora di questa squadra, di indossare per la nona volta di fila questa maglia. Ora ci riposiamo e ripartiamo come sempre per fare un altro sm-lucarelli-apollonicampionato da vincenti. Il Parma riparte da due capitani come Minotti e Lucarelli? Sì, lui dietro la scrivania ed io un altro anno in campo. Sicuramente siamo due persone che vogliono bene a questa piazza, questo dev’essere una garanzia anche per i tifosi. L’obbiettivo sarà quello di provare a vincere il campionato, noi dobbiamo innanzitutto staccare la spina, poi prepararci per questo perchè le difficoltà aumenteranno, ci saranno squadre importanti e piazze importanti, ma noi siamo il Parma ed ho la presunzione di dire che anche in Lega Pro saremo la squadra da battere e quella più importante. Se vado in vacanza più tranquillamente rispetto allo scorso anno? Sembra che invece di un anno ne siano passati dieci… Diciamo che lo scorso anno è arrivata la degna conclusione di un’annata iniziata male e finita nel peggiore dei modi. Fortunatamente l’abbiamo cancellata. Siamo ripartiti bene, da vincenti, ed ora dobbiamo continuare come abbiamo finito quest’anno. Questi giorni in cui la società deve confermare o meno alcuni giocatori? Il calcio è questo, tutti sappiamo che ci sono alcuni giocatori che rimarranno ed altri che andranno via. Durante l’annata si creano dei rapporti umani che vanno al di là del semplice essere compagni di squadra. Io sono convinto che ognuna delle persone che sono state qui quest’anno sia all’interno del gruppo che dello staff e della società ha dato un contributo importante per far sì che questa stagione diventasse meravigliosa ed indimenticabile. Mi sento di ringraziare tutti, chi rimane e chi andrà via. Quello però che abbiamo fatto tutti assieme rimarrà nella storia non solo del Parma ma anche del calcio, perchè siamo rimasti imbattuti per tutto l’anno, ma questa è la squadra che ha riportato il Parma tra i professionisti, e rimarrà nel cuore di tutti i tifosi. Chi arriverà deve prendere esempio da questi ragazzi, dovrà avere la voglia, l’umiltà e la determinazione che abbiamo avuto noi quest’anno. Abbiamo gettato delle basi importanti quest’anno, e sono convinto che chi arriverà porterà avanti quello che samba-lucarelli-applausiaabbiamo cominciato noi. Quando ho pensato di continuare? Su 40 partite ne ho fatte 38 e ne ho saltate due per squalifica, sicuramente il livello tecnico non è quello degli anni passati ma a livello atletico il campionato è stato molto impegnativo, quindi se ho retto bene tutto l’anno sotto l’aspetto atletico che è ormai ciò che fa la differenza per me che a luglio compirò 39 anni, credo di poter continuare. È naturale che non posso sapere quanto durerò, se mi renderò conto che farò fatica sarò il primo ad alzare la mano e mettermi da parte, quindi non sarà certo un problema quello. Sicuramente riparto con la voglia di sempre, con l’entusiasmo di un ragazzino. A livello di testa ho ancora vent’anni, l’aspetto mentale credo che sia fondamentale, sono forse il più piccolo di tutti da questo punto di vista. Ma ripeto: non vorrò essere nè di peso per nessuno e nè compatito e ricevere un trattamento di favore perchè sono il Capitano. Se non starò bene più avanti sarà il primo io a farmi da parte. Ho sempre detto che la base è già ottima, il gruppo è ottimo e da lì bisogna portare dentro uomini, innanzitutto, con dei valori. Poi giocatori tecnicamente bravi. Sicuramente è una rosa da migliorare in tutti i reparti, sono convinto che la società lo farà perchè ha voglia di vincere, però ripeto: l’importante è che chi arrivi lo faccia con le stesse caratteristiche che abbiamo avuto noi quest’anno, consci di essere forti ma con grandissima umiltà. Telefonate ad ex compagni e amici? No, per il momento no. Servono giocatori di categoria, che hanno fame e che hanno voglia di mettersi in mostra e di sputare l’anima. Chi verrà con entusiasmo sarà ben accettato da tutto il gruppo”.