LUCARELLI E QUEL GOL 479 GIORNI DOPO: “MI MANCA SOLO UNA RETE IN SERIE C? VI RISPONDO A MAGGIO…” – VIDEO

479 i giorni che separano la rete di oggi, prima in carriera in Serie D, e l’ultimo gol in maglia crociata, in un Parma-Milan del 14 settembre 2014. L’ha cercato, Capitan Lucarelli, e finalmente il primo centro è arrivato, sbloccando così una gara insidiosa come quella odierna.

Ecco il video e la trascrizione delle parole del Capitano crociato al termine di Parma-ArziChiampo:

Le mie sensazioni dopo il gol? Non vedevo l’ora, meno male che l’ho fatto sotto la Curva giusta… Sono contento, l’aspettavo, c’ero andato vicino tante volte, non ero ancora riuscito a farlo e fortunatamente l’anno è iniziato bene. Sono felice innanzitutto perchè ha sbloccato una gara che non riuscivamo a portare dalla nostra, quindi sono doppiamente felice sia per me che per la squadra. I segnali erano stati buoni anche contro il TuttoCuoio, e siamo partiti bene anche oggi. Forse dopo il gol ci siamo un pochino adagiati, non abbiamo cercato subito di farne un altro, e magari dando anche un po’ di fiducia all’ArziChiampo, perchè finchè la partita resta in bilico basta una mezza palla inattiva a rovinare tutto. Secondo me lì dovevamo essere più bravi, nella seconda parte del primo tempo. Nel secondo tempo abbiamo trovato il secondo ed il terzo gol, ed in linea di massima la prestazione è stata buona. Si è ritrovata la arzichiampo-evidenzadifesa? Ne avevamo parlato anche tra di noi, era impensabile che una squadra come la nostra subisca in tre partite quello che non aveva subito nelle precedenti sedici. Abbiamo alzato l’attenzione di nuovo, anche oggi nonostante il 3-0 siamo stati attenti. Ne abbiamo parlato, ci abbiamo lavorato sopra ed anche oggi si è visto. Abituarsi a non prendere gol fa bene, dà sicurezza a tutti ed è un valore aggiunto per noi. Baraye? È un ragazzo che caratterialmente se non trova la giocata subito si innervosisce. Sicuramente ora sarà arrabbiato perchè se non fa gol si incupisce, magari oggi inizialmente ha fatto un po’ fatica, ci deve lavorare. Lo stiamo aiutando molto, anche il Mister, stiamo cercando di spiegargli che non conta segnare sempre, ma c’è la prestazione al servizio della squadra che può essere utile, perchè lui è anche uno che quando sta bene e ha voglia rincorre tutti e difende. Deve crescere, perchè poi le qualità che ha sono indiscutibili. Quello di oggi è un gol un po’ particolare, per quello che è un po’ questa stagione per noi, l’aspettavamo, anche i tifosi l’aspettavano con me, perchè li sento dal campo quando mi avvicino al gol, capisco che anche loro ci tenevano. Quindi mi fa felice, sono riuscito a sbloccarmi, ora continuiamo su questa strada, e pensiamo all’obbiettivo comune più che ai miei gol personali. Rispetto all’andata siamo più squadra, è stata una partita completamente diversa. Oggi il risultato credo che non sia mai stato in discussione. La mia esperienza in campo, dopo tanti anni, mi aiuta a leggere prima alcune situazioni. Mi manca solo un gol in Serie C? Bella domanda… Ora è presto, bisogna essere concentrati su questo campionato, ed un pensiero a quello che può essere il prossimo anno ogni tanto lo faccio, ma è presto ancora per decidere quello che vorrò fare. Richiedetemelo a maggio e ti risponderò”.