LONGOBARDI: “MENTRE RECUPERAVO DALL’INFORTUNIO AVEVO IN TESTA UN DEBUTTO COSI’…” – VIDEO

Ha fatto un assist, ha segnato un gol, con una prestazione da migliore in campo all’esordio ufficiale in maglia crociata. Christian Longobardi al termine della gara si è presentato in sala stampa con un sorriso sulle labbra assolutamente condivisibile e meritato.

Ecco il video e la trascrizione delle parole di Longobardi dopo il match contro il Villafranca:

La mia condizione? Bisogna chiederlo allo staff medico, che io tra l’altro ringrazio: fare 90′ oggi è stato un capolavoro. Io sono ad un punto in cui sopperisco con la grande voglia a quello che mi manca dal punto di vista della condizione. Dobbiamo lavorare, dobbiamo crescere, siamo preparati a questo. Il lavoro è l’ultima cosa che ci spaventa. Se arriveranno altri giocatori sono i benvenuti purchè si calino nell’obbiettivo di quest’anno, se arrivano a darci una mano che ben vengano, l’importante è villafranca-evidenzache la mentalità sia quella giusta. È chiaro che in campo si fanno delle letture, in determinati momenti della partita c’è l’esperienza che ti porta a leggere le situazioni in un determinato modo. Siamo stati nella metà campo avversarie per almeno 80′ su 90′, non è facile trovare spazi, ma ci vuole pazienza. È piaciuto anche a me il gol, soprattutto mi piacciono le reti che regalano tre punti. Io credo che la gente stia capendo quello che stiamo facendo, al di là di quello che si può dire. Qui non ci sono i fenomeni, la categoria è questa e facciamo del nostro meglio. Si può fare meglio, ovviamente, per cercare di scardinare le difese altrui. Finora quelli che hanno dimostrato di essere una categoria sono i tifosi e lo staff medico e sanitario. Io in campo poi all’infortunio non ci ho pensato. Sono molto contento dell’assist per Fabio, in quel momento era una situazione che è pesata sulla partita. Il mio gol? Era da un po’ che mi dicevo che bisognava aspettare il momento giusto, e su quella palla mi sono avventato con il tempo giusto, e fortunatamente l’ho buttata dentro. Mentre lavoravo avevo in testa un debutto del genere. Già essere in panchina domenica scorsa è stato un grande regalo, ed oggi fare addirittura 90’…”