LIVORNO-PARMA 0-3 – Amauri non si ferma più! Il Parma sbanca Livorno.

Avete presente quel salto di qualità tanto menzionato da tutti, che ti permette di vincere anche contro le cosiddette piccole? Ecco, e ora: avete presente cos’è un calcio di rigore, nonostante il Parma non ne riceva uno da oltre un anno? Il Parma, a Livorno, ottiene entrambe le cose. Il salto di qualità è forse facilitato da un Livorno decisamente inconsistente in avanti, anche se il Parma ha prima segnato dopo soli 98 secondi, ha controllato gli amaranto per oltre 85′ senza correre grossi pericoli, e poi ha chiuso i conti grazie alla doppietta di Amauri. Il rigore, invece, arriva grazie ad una splendida finta di Pedro Mendes, che disorienta un avversario che per recuperare lo atterra. Il Parma, quindi, dopo una partita forse non splendida ma molto concreta, riesce a sbancare Livorno per la prima volta nella sua storia, e chiude il girone d’andata a 26 punti.

LE FORMAZIONI: Niente turnover massivo per Donadoni, almeno in difesa e a centrocampo. Davanti a Mirante, infatti, il tecnico decide di non rischiare Paletta e di confermare Mendes assieme a Lucarelli. I terzini, come previsto, sono Rosi e Gobbi. A centrocampo confermato il trio Parolo-Marchionni-Acquah, mentre davanti, rispetto alle previsioni della vigilia, c’è Palladino assieme ad Amauri e Biabiany. Cassano, quindi, si siede per la seconda volta consecutiva in panchina dal 1′.

livornoparmaLA PARTITA: Inutile pensare a quelle che sono state le disposizioni dei due allenatori, perchè dopo soli 98” Raffaele Palladino con un preciso tiro al volo batte Bardi e porta in vantaggio i crociati. Bravo nell’occasione Biabiany a saltare l’uomo sul fondo, e a crossare per il compagno. Da quel momento in poi il Livorno accusa il colpo, continuando a mettere in pratica quelle che probabilmente erano le disposizioni iniziali di Nicola: gli amaranto, infatti, hanno continuato ad aspettare il Parma per i primi 15′, con i crociati che, dal canto loro, non avevano nessuna fretta di spingere. Che al Livorno servisse una scossa lo si capisce anche dal primo cambio da parte dei toscani, che è arrivato al 24′: fuori Biagianti, dentro Siligardi, giocatore sicuramente più offensivo. Grazie anche al cambio tattico, il Livorno si è fatto vedere maggiormente in avanti, anche se i suoi attacchi non creano molti pericoli a Mirante. Anzi, è proprio Palladino che sfiora la doppietta personale con un azione simile a quella del primo gol: il suo tiro al volo, però, finisce a lato di un soffio. Da lì in poi ilParma è bravo a chiudere gli attacchi del Livorno, cercando poi di ripartire. Mirante non ha bisogno di compiere interventi importanti, fatto salvo per una punizione di Paulinho, che il n°83 del Parma (oggi in maglia bianca con la croce nera) ha deviato in angolo. Le due squadre quindi vanno al riposo sullo 0-1, ed il riposo serve a dare disposizioni tattiche ai 22 in campo, con i due allenatori che decidono di tornare in campo con gli stessi interpreti, senza quindi effettuare cambi. Nel secondo tempo il Livorno, come da copione, cerca di spingere maggiormente, con il Parma che decide di attendere, provare il contropiede e cercare di rallentare il ritmo in fase di possesso. Gli amaranto, però, trovano moltissime difficoltà in fase di costruzione, e faticano moltissimo a creare occasioni da gol. Buon per il Parma, che soffre pochissimo. Con il passare dei minuti, però, il Parma non riesce a mettere in pratica azioni convincenti, sbagliando troppo a centrocampo, mentre il Livorno acquista convinzione minuto dopo minuto. Tra il 73′ ed il 74′ è il momento di maggior spinta dei padroni di casa, che fanno tremare Mirante prima con Greco da buona posizione e poi con un missile di Emerson praticamente da centrocampo. Il Parma, grazie anche all’ingresso di forze fresche (Sansone per Biabiany e Gargano per Acquah) prima resiste agli attacchi avversari e poi riesce a far risalire il proprio baricentro, arrivando anche vicino al gol con Parolo all’81’. Gol del raddoppio che arriva all’85’, con Amauri. In un’azione concitata, dopo i tentativi di Sansone (tiro parato da Bardi) e Gobbi (pallone sul palo), il brasiliano si impossessa della respinta e segna il raddoppio che chiude i conti con qualche minuto di anticipo. I crociati, addirittura, non si accontentano e si conquistano grazie a Mendes quel calcio di rigore che non arrivava da oltre un anno: finta del portoghese, che viene atterrato da un difensore toscano. Sul dischetto Amauri, che non sbaglia. Giusto il tempo di posizionare ancora il pallone a centrocampo, e l’arbitro decreta la fine dell’incontro.

livornoIL FILM DEL PRIMO TEMPO:

1′- Biabiany salta l’uomo sulla destra, cross in mezzo e Palladino, con il mancino al volo, porta in vantaggio i crociati dopo pochi secondi!!!
6′ – Primo squillo del Livorno: ci prova Emerson da fuori, pallone a lato.
9′ – Il Livorno lascia al Parma il pallone, punta a chiudersi e ripartire, anche se dopo il gol subito ora ha bisogno di prendere in mano il controllo del match.
15′ – Gli amaranto iniziano a farsi vedere in avanti con maggiore consistenza. Di testa ci prova Rinaudo, sugli sviluppi di un corner, pallone fuori.
16′ – Palladino!!!! Tiro al volo dopo il cross di Acquah, pallone fuori di un soffio!!!
24′ – Il Livorno cambia già qualcosa, fuori Biagianti dentro Siligardi.
29′ – Fallo di Lucarelli da dietro, primo cartellino giallo per il Parma.
41′ – Grande parata di Mirante su calcio di punizione di Paulinho.
46′ – Dopo un minuto di recupero l’arbitro manda le due squadre negli spogliatoi. Scaramucce tra Emerson e Biabiany subito dopo il fischio dell’arbitro, i due vengono separati dai propri compagni.

Senza-titolo-1IL FILM DEL SECONDO TEMPO:

1′- Siligardi si gira in area e prova il tiro rasoterra, facile per Mirante.
10′ – Le due squadre lottano in mezzo al campo, tra tutti Acquah dimostra di essere in un periodo di forma strepitoso, vincendo ogni contrasto in maniera pulita e decisa.
13′ – Piccini di testa da ottima posizione, bravo Mirante a bloccare!
22′ – Siligardi su punizione cerca l’incrocio, pallone a lato senza preoccupazioni per Mirante.
23′ – Primo cambio per il Parma: fuori Biabiany, dentro Sansone.
28′ – Cross di Duncan, ci prova Greco, ma il pallone esce di poco. Brivido per Mirante!
29′ – Emerson prova un missile da lontanissimo, bravissimo Mirante a deviare in corner!
30′ – Sull’angolo, ci prova Siligardi al volo, pallone fuori.
30′ – Donadoni corre ai ripari e aggiunge forze fresche a centrocampo: dentro Gargano, fuori Acquah.
36′ – Missile di Parolo!!! Bravissimo Bardi a deviare in angolo!
37′ – Fuori Palladino, dentro Paletta. Il Parma si schiera con un 3-5-2
40′ – Amauri chiude i conti!!! Dopo i tentativi di Sansone (respinto da Bardi) e Gobbi (palo), il brasiliano raccoglie la respinta e segna il raddoppio!!!
45′ – Livorno in 10, Ceccherini costretto ad abbandonare il campo per infortunio, il Livorno però non ha più cambi.
47′ – Splendida finta di Mendes in area che viene atterrato da un avversario. L’arbitro non ha dubbi e concede il rigore che il Parma aspettava da oltre un anno. Sul dischetto va Amauri che non sbaglia!
49′ – Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine dell’incontro. Il Parma sbanca Livorno e chiude il girone d’andata a 26 punti!

L’Editorialista