LEONARDI: “RESTO A PARMA. PALETTA, NON CURARTI DEI GIUDIZI DELLA STAMPA!”

Le voci attorno al Parma continuano a rincorrersi sempre di più. C’è chi addirittura, oltre alla fantomatica voce che vorrebbe Cassano alla Samp, avrebbe visto anche lui in partenza verso Genova. Niente di più sbagliato, e a precisarlo è proprio Pietro Leonardi stesso attraverso il sito ufficiale gialloblù.

Ecco le sue parole:

leonardicomunicatoIo resto a Parma. Mai come in questo momento ci tengo a dire che non lascio il club e colgo l’occasione per ringraziare tutti i tifosi che stanno testimoniando giorno dopo giorno il loro affetto nei miei confronti e nei confronti della loro squadra e della proprietà . Questo in cui si prepara la nuova stagione, è un periodo impegnativo ma anche di grande orgoglio. Ieri i nostri Allievi, con cui mi congratulo, sono arrivati alle semifinali scudetto e proprio questa notte hanno fatto il loro esordio vittorioso al Mondiale due nostri giocatori e credo che questo per tutti coloro che tifano Parma sia una grande soddisfazione. A tal proposito colgo l’occasione per fare i complimenti ai nostri calciatori, a Gabriel, a Marco, al ct Prandelli e a tutto il gruppo.  Devo dire con rammarico che non mi hanno stupito alcuni giudizi pesanti sulle prestazioni dei nostri giocatori impegnati questa notte, come quello riservato a Paletta. Purtroppo per alcuni di quelli che li giudicano, ciò che conta è che sono giocatori del Parma, per cui automaticamente un intervento sbagliato di Gabriel vale come dieci passaggi sbagliati da altri… Paletta è stato negli ultimi anni uno dei migliori centrali del nostro campionato e chi ha visto le partite del Parma con continuità lo sa bene. Purtroppo tra gli addetti ai lavori presenti in Brasile non sono molti quelli che lo hanno palettamalefatto. Meno male che  però c’è Prandelli che ha scelto i giocatori sulla scorta di quello che hanno dimostrato durante tutta la stagione. Una stagione che, oltretutto, ha visto i nostri ragazzi conquistare prima il sesto posto e poi la possibilità di andare Brasile. In realtà lì c’era arrivato anche Mirante, il cui rientro in Italia poi, è passato, per alcuni, guarda caso, praticamente inosservato. Dico “Forza” a Gabriel Paletta, e di non curarsi se il trattamento che riceve da alcuni organi di stampa è quello di oggi perchè non dipende dalla sua prova ma dalla maglia che ha vestito negli ultimi anni con i risultati che sappiamo. Oltre a essere un grande giocatore è un grande uomo e questi attacchi oltremodo duri non lo devono toccare.  A Marco Parolo faccio i complimenti per come si è fatto trovare pronto e ha saputo entrare subito in partita. Ad Antonio Cassano infine dico che sarà presto protagonista. Con le sue doti, il suo talento e la voglia che ha messo per arrivare a questo Mondiale non potrebbe essere altrimenti”.