Leonardi: “Non dobbiamo togliere ai tifosi la voglia di sognare”

Uno sguardo al match di domenica, all’entusiasmo dei tifosi che affolleranno il settore ospiti del Mapei Stadium, senza dimenticare il giusto mix tra consapevolezza nei propri mezzi e umiltà. Questo è quanto ha espresso Leonardi ai microfoni di Parma Channel, a margine della presentazione della nuova Safety Car targata Motoservice Spa.

leonardi2Ecco le sue parole:

Se mi aspettavo questa presenza massiccia di tifosi? Non m’aspettavo questorivela l’Ad crociato a Parma Channelma c’era sempre l’augurio di coinvolgere i tifosi. Fin dall’inizio, e questo è il quinto anno, abbiamo sempre detto che noi dobbiamo accettare gli umori della nostra tifoseria, perciò dobbiamo accettare se ci sono delle insofferenze in partite che i nostri tifosi non ritengono all’altezza, così come nei momenti positivi. Abbiamo detto che non dobbiamo fare dei proclami ma è giusto che i tifosi sognano, questi numeri dimostrano che i tifosi stanno sognando, e non dobbiamo in questo momento particolare togliere anche la voglia di sognare ai nostri tifosi, sarebbe assurdo. Noi rimaniamo con i piedi per terra, però siamo molto contenti di questo coinvolgimento, e ci auguriamo di coinvolgere i tifosi anche in altre partite, sia in casa che in trasferta”.

Le partite sono tutte difficile in Serie A, non bisogna mai guardare la classifica, perchè per esempio quando abbiamo incontrato il Catania era ultimo in classifica ed è stata una delle partite più complesse. Tutti i gruppi allestiti in Serie A sono di qualità, ed il Sassuolo ha rilanciato con il mercato di gennaio, per questo sarà una partita difficile, però io confido molto nella nostra prestazione. Se noi facciamo la nostra prestazione, con tutto il rispetto, ci saranno problemi anche per il Sassuolo. Il Parma è una squadra che ha dimostrato di non aver timore di nessuno”.

“Abbiamo una classifica che ci permette di presentarci al tour de force di aprile (Juve, Lazio, Roma in trasferta, Napoli in casa) con molto orgoglio ed entusiasmo. Se avessimo avuto una classifica complessa sarebbe stato drammatico, così invece c’è il gusto. Non ho timore di nessuno, non è presunzione bensì consapevolezza nei propri mezzi, perciò ritengo che ora dobbiamo pensare con molta umiltà e voglia di sacrificarsi al Sassuolo. Poi si tireranno le somme, e poi a fine campionato tireremo la linea per la somma totale, in cui si vedrà dov’è arrivato il Parma“.